Obama: "Il coraggio morale di Mandela ha ispirato il mondo"

1' di lettura

Visita in Sud Africa del presidente Usa. Non ha visto il leader della lotta all’apartheid, ricoverato in condizioni critiche, per “non disturbare la sua pace e tranquillità”, ma ha incontrato in forma privata i familiari del Premio Nobel

"Il coraggio morale di Madiba è stato un'ispirazione personale per me e un'ispirazione per il mondo". Così il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, nel corso della sua visita a Pretoria, ha parlato di Nelson Mandela usando l'appellativo con cui viene chiamato l'uomo simbolo della lotta all'apartheid. Obama, durante la conferenza stampa congiunta con il presidente del Sud Africa Jacob Zuma, ha voluto poi ricordare "la storica transizione verso la libertà e la democrazia" compiuta dal Paese. "Quello che è accaduto in Sudafrica continua a brillare come un faro". Poi ha spiegato che ha deciso di non incontrare lo storico leader 94enne, ricoverato al settimo giorno in condizioni critiche all’ospedale di Pretoria per un’infezione polmonare, per non disturbare la sua "pace e tranquillità”. Obama e Michelle, in forma privata, hanno poi avuto un incontro con i familiari del Premio Nobel per la Pace “per esprimere il proprio sostegno e preghiere in questo momento difficile". Già alla vigilia del viaggio il presidente Usa aveva detto di non aver bisogno di "una foto" con Nelson Mandela, che ha definito "un eroe per il mondo". Contro la visita di Barack Obama a Johannesburg, dove il presidente è atteso per un breve discorso, hanno protestato alcuni manifestanti. La tensione è salita e si sono verificati alcuni scontri con la polizia in tenuta antisommossa.

Zuma: “Condizioni di Mandela critiche ma stabili” - Durante la conferenza stampa congiunta con Jacob Zuma, Obama ha espresso apprensione per le condizioni di salute dell’uomo simbolo dell’apartheid. "I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con Mandela e la sua famiglia". Zuma ha aggiunto: “Mi auguro che possa uscire molto presto dall'ospedale. Per il momento tuttavia "le sue condizioni di salute rimangono critiche ma stabili". Obama, in merito alla visita che farà il 30 giugno alla prigione di Robben Island dove il premio Nobel per la pace Nelson Mandela ha trascorso 27 anni di reclusione per la lotta all'apartheid, ha aggiunto: "Sono contento di portare le mie figlie a Robben Island perché imparino la storia di questo Paese e per poterle indirizzare nelle responsabilità future".

Obama: “Quanto accaduto in Sud Africa un faro che illumina il mondo”
- Obama ha infine voluto sottolineare l’esempio che il Sud Africa rappresenta. "In molte regioni vediamo dei conflitti, delle dispute di carattere settario, delle guerre religiose o etniche e vedere quanto accaduto in Sudafrica, il potere del principio della democrazia e della lotta per i diritti, è davvero un faro che illumina tutto il mondo. Le dimostrazioni di amore che abbiamo visto negli ultimi giorni per Madiba dimostrano che il trionfo di Mandela e della sua nazione è una voce che si alza per i diritti per la dignità umana e questa voce va al di là di ogni barriera di classe. Questo - ha concluso – è quanto rappresenta Mandela, questo è quanto rappresenta l'esempio sudafricano".

Leggi tutto