Los Roques: ritrovato l'aereo su cui viaggiava Missoni

1' di lettura

I resti del bimotore su cui l'imprenditore volava insieme alla moglie, una coppia di amici e due membri dell'equipaggio sono stati ritrovati a una profondità di 70 metri. La famiglia: "Proseguano le indagini sull'incidente"

I resti del bimotore su cui viaggiava Vittorio Missoni assieme ad altri italiani, scomparso in Venezuela a inizio gennaio, sono stati ritrovati. Lo ha riferito un funzionario del ministero dell'Interno di Caracas. L'aereo su cui viaggiava Missoni - 58 anni, Ad dell'omonima maison – con la moglie Maurizia Castiglioni, una coppia di amici e due persone dell'equipaggio era scomparso lo scorso gennaio dopo essere partito dall'arcipelago di Los Roques. "E' stato localizzato l'aereo YV2615 tipo islander che copriva la rotta Los Roques-Maiquetía lo scorso 4 gennaio 2013", ha scritto su Twitter Jorge Galindo, capo ufficio stampa del ministero dell'Interno.


La Farnesina ha poi confermato il ritrovamento dell'aereo, individuato ad una profondità di 70 metri spezzato in più tronconi. Il riconoscimento è stato possibile  perché il numero di matricola era leggibile. Pochi giorni fa, sono stati ritrovati i resti del velivolo scomparso nella stessa zona nel 2008.

Dalla famiglia Missoni e dai parenti delle altre persone che viaggiavano sull'aereo scomparso lo scorso 4 gennaio in Venezuela è arrivato un ringraziamento alle autorità. "Le famiglie - si legge in una nota - ringraziano il governo venezuelano e quello italiano per l'impegno nel rendere possibile questa ricerca e confidano che le indagini proseguiranno fino all'accertamento delle cause e delle responsabilità dell'incidente".

Leggi tutto