Afghanistan, Mauro: "Incerta la dinamica dell'attentato"

1' di lettura

Il ministro della Difesa a SkyTG24 sull'agguato costato la vita al capitano Giuseppe La Rosa. E a proposito della rivendicazione dei talebani aggiunge: "L'ipotesi che l'autore fosse un minore sa di propaganda". Lunedì la salma del militare sarà in Italia

La dinamica dell'attacco in Afghanistan al convoglio di militari italiani costato la vita al capitano dei bersaglieri Giuseppe La Rosa "è ancora da chiarire. E per farlo occorrerà attendere dati e risultanze dell'inchiesta in corso". Lo ha spiegato a SkyTG24 il ministro della Difesa, Mario Mauro, sottolineando che "non c'è nessuna conferma che l'attentatore del capitano La Rosa sia un ragazzino". Ipotesi che, osserva il ministro, "sa molto di propaganda e riecheggia temi di lotta del popolo che però a quelle latitudini a me non ha dato l'idea". E ha insistito: "Bisogna capire che cosa ha rallentato i mezzi. Dobbiamo attendere i risultati di un'inchiesta che si sta compiendo in loco senza arrivare a conclusioni affrettate".

"Accelerazione del ritiro espone soldati a rischi"
- Riguardo alla possibilità di un ritiro anticipato delle truppe italiane dall'Afghanistan, il ministri si è mostrato scettico. "Il Parlamento è sovrano", ha spiegato Mauro, "ma un'accelerazione finirebbe con esporre i nostri uomini a molti rischi" e comunque la missione per come è stata concepita fino ad oggi ha termine - ha ribadito Mauro - alla fine del 2014. "Un conflitto è un conflitto e rimuoverne le ragioni comporta degli oneri. La nostra volontà è che gli afghani riescano a gestire il loro territorio", dice il ministro.

Salma di La Rosa arriva in Italia lunedì
- Intanto l'ufficio stampa dello Stato Maggiore della Difesa ha comunicato che l'aereo con le spoglie del Capitano Giuseppe La Rosa atterrerà lunedì presso l'aeroporto di Ciampino. L'orario, indicativo, è quello delle 9.30.

Leggi tutto