I marò restano in Italia. L'India insorge: "Processo qui"

1' di lettura

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dalle autorità indiane di avere ucciso due pescatori, non andranno a Nuova Delhi: "Felici di tornare a fare il nostro mestiere". La Farnesina: "Controversia internazionale tra i due Stati"

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre non torneranno in India perché New Delhi ha violato "gli obblighi di diritto internazionale". L'Italia ha deciso di mettere un freno alla lunga vicenda giudiziaria dei due marò. E lo ha fatto consegnando lunedì 11 marzo alle autorità indiane una nota che non lascia spazio ad interpretazioni: "Il governo italiano ritiene che sussista una controversia con l'India", è scritto a chiare lettere, e per questo Roma punta ad un accordo "in sede internazionale".

New Delhi però non sembra pensarla alla stessa maniera: "I due marò devono essere processati in India secondo le leggi indiane", è stata la prima reazione di una fonte diplomatica indiana all'Onu. Lasciando intuire che la strada per giungere ad un accordo attraverso un arbitrato internazionale - proposta da Roma - al momento, sembra piuttosto in salita. "Meglio non reagire ora", si è limitato a commentare con l'Ansa il ministro degli Esteri Salman Kurshid. Mentre lo sconcerto è dilagato sui media indiani, che hanno parlato di "affronto" e "tradimento".

Quel che è certo è che in attesa di valutare un possibile accordo, ha chiarito senza mezzi termini il titolare della Farnesina Giulio Terzi, i marò restano in Italia. E torneranno anche al lavoro, come ha annunciato il collega della Difesa Giampaolo Di Paola. E come confermato anche dagli stessi militari, "felici" per la decisione e pronti "a tornare a fare il nostro mestiere".

Il tweet di Giulio Terzi

A determinare l'improvviso cambio di registro di Roma, che fino ad ora aveva puntato su una soluzione diplomatica che tardava ad arrivare, sarebbe stato il silenzio di Delhi alla proposta italiana di aprire un dialogo a due, puntando su una più forte cooperazione nella lotta alla pirateria, come aveva suggerito la stessa Corte Suprema indiana. Una soluzione diplomatica, appunto, che l'India sembra non aver preso in considerazione. Tanto che Roma, nella nota consegnata alle autorità, precisa che "alla luce della mancata risposta", "il Governo italiano ritiene che sussista una controversia con l'India" anche e soprattutto per quanto riguarda "i principi generali di diritto internazionale applicabili alla vicenda".

Una nota, affidata da Terzi all'Ambasciatore d'Italia a New Delhi Daniele Mancini, che, secondo quanto si apprende, l'Italia non avrebbe fatto precedere da colloqui preliminari. "La decisione italiana - hanno fatto sapere fonti vicine al dossier - e' stata semplicemente notificata" stamattina alle autorita' indiane.

Un ruolo fondamentale nella presa di posizione italiana l'avrebbero giocato anche i continui rinvii e slittamenti in particolare sull'istituzione del tribunale speciale voluto dalla Corte suprema indiana. Tanto che nell'ultima udienza lo stesso giudice aveva rimproverato i rappresentanti del governo di New Delhi per i continui ritardi.

Ma la sensazione è che anche la politica italiana abbia avuto un ruolo nella scelta dei tempi. L'insediamento delle Camere previsto per venerdi' ha certamente fatto riflettere sull'opportunità che a prendere una simile decisione fosse il governo in carica. Il dossier sarebbe stato seguito sin dall'inizio da Terzi e Di Paola, che nei giorni scorsi avrebbero informato Monti sulla determinazione a non far tornare Latorre e Girone. Ottenuto il via libera dal presidente del Consiglio, avrebbero infine informato New Delhi.

Per il momento, in ogni caso, il sostegno al "gesto di fermezza" del governo è bipartisan. "Meglio tardi che mai", hanno commentato i tre fondatori di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio La Russa, che avevano anche offerto un seggio ai militari in campagna elettorale. Soddisfatto anche Fabrizio Cicchitto (Pdl) "per la decisione presa dal ministro degli Esteri di mantenere i marò sul territorio italiano". E anche Barbara Contini, del Centro Democratico, ricorda che "l'Italia chiede da tempo rispetto, come ne ha dimostrato nei confronti dell'India".

I marò, accusati in India di avere ucciso due pescatori, resteranno in Italia. A dirlo è la Farnesina con una nota: "L'Italia ha informato il Governo indiano che, stante la formale instaurazione di una controversia internazionale tra i due Stati, i fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non faranno rientro in India alla scadenza del permesso loro concesso". "Non avevamo dubbi" fanno sapere i due militari, che si dicono felici di tornare a fare il loro mestiere.

Leggi tutto