Nigeria, rapitori: ucciso italiano. Farnesina: verifiche

1' di lettura

Il gruppo integralista rivendica l'uccisione dei sette ostaggi sequestrati il 17 febbraio. Tra questi anche l'ingegnere Silvano Trevisan. Le autorità nigeriane: dubbi sulla veridicità del comunicato. Diplomazie al lavoro

Il gruppo estremista nigeriano "Ansaru" ha annunciato di aver ucciso i sette ostaggi di religione cristiana rapiti nel nord della Nigeria. Tra loro ci sarebbe anche l'italiano Silvano Trevisan, oltre a tre libanesi, un britannico e un filippino, tutti dipendenti di un'impresa di costruzioni libanese, la Setraco. Potrebbe trattarsi di una vendetta dopo l'uccisione da parte del governo di venti militanti della setta Boko Haram.
La Farnesina non conferma al momento l'uccisione dell'ostaggio italiano: fonti del Ministero fanno sapere che ci sono "verifiche in corso con l'Unità di crisi e le autorità locali". Nessuna conferma anche da fonti della sicurezza nigeriana, che dubitano della veridicità del comunicato diffuso dai terroristi.
Ansaru, fondato nel 2012, è un'ala del gruppo estremistico Boko Haram. L'organizzazione jihadista è diffusa nel nordest del Paese ed è responsabile di numerosi attacchi nei confronti della comunità cristiana.

Ansaru: uccisi per tentato blitz Gb-Nigeria - L'organizzazione terroristica sostiene di aver ucciso i sette ostaggi per via di un tentato blitz delle forze nigeriane e britanniche.
Fonti dei servizi di sicurezza nigeriani smentiscono però la notizia. "Non c'è stato alcun blitz militare nell'area dove sarebbero in ostaggio i dipendenti della Setraco", afferma all'agenzia di stampa Agi un'autorevole fonte dei servizi di sicurezza nigeriani.

Trevisan: rapito il 17 febbraio con altri 6 ostaggi -
L'ingegnere italiano Silvano Trevisan, di cui il gruppo terrorista islamico nigeriano Ansaru ha dichiarato l'uccisione, lavorava per la ditta di costruzioni Setraco a Jama, in provincia di Bauchi (uno dei 36 Stati della Nigeria, ndr). Fu rapito lo scorso 17 febbraio, in piena notte, in un'azione di terroristi, che penetrarono armati fino ai denti nel compound dove risiedeva, uccidendo una guardia armata. Trevisan, 69 anni, di San Stino di Livenza (Venezia), fu trascinato via dai terroristi insieme ad altri sei lavoratori stranieri: un britannico, un greco e quattro libanesi, fra cui almeno due donne, che nel video-comunicato girato da Ansaru e captato dal sito di vigilanza Site, vengono dichiarati uccisi insieme all'italiano.

Ansaru: setta estremista - Ansaru (acronimo per Avanguardia per la Protezione dei Musulmani nell'Africa Nera), è nata da una costola della setta estremista islamica Boko Haram ed è considerata affiliata ad Al Qaeda.

Leggi tutto