Belgio, il mostro di Marcinelle resta in carcere

1' di lettura

Il tribunale di Bruxelles ha respinto la domanda di libertà condizionale di Mark Dutroux, il pedofilo condannato all'ergastolo nel 2004 per aver rapito e stuprato negli anni '90 sei ragazzine e averne uccise quattro

Il mostro di Marcinelle resta in carcere. Il tribunale di Bxuxelles ha respinto la richiesta di scarcerazione anticipata per Marc Dutroux, il pedofilo belga meglio noto come il 'Mostro di Marcinelle', condannato all'ergastolo nel 2004 per aver rapito e stuprato negli anni '90 sei ragazzine di età dagli 8 ai 19 anni e di averne uccise quattro.
Era stato l'uomo a chiedere la libertà condizionale, che può essere accordata dopo aver scontato almeno 15 anni di prigione. La richiesta di Dutroux, di arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, aveva sollevato l'ira di tutto il Belgio. La stessa madre del criminale, Jeannine, stamane, aveva chiesto di non scarcerarlo.

La madre di Dutroux: non rilasciatelo o lo rifarà -  "Se venisse rilasciato ricomincerebbe a uccidere" ha detto la madre di Marc Dutroux rilasciata a Soir Magazine prima della sentenza emessa il 18 febbraio. "Non è pronto per il rilascio, non ha alcun senso della realtà e ancora non dà la colpa ad altri per quello che ha fatto", ha detto la madre 78enne, secondo cui il figlio sarebbe capace di commettere altri delitti ma stavolta non su bambini. D'altronde, racconta, "aveva minacciato di morte anche me e mio marito per avere più in fretta l'eredita"'.

Leggi tutto