Benedetto XVI: "Le divisioni deturpano la Chiesa"

1' di lettura

Il Pontefice durante il rito delle Ceneri invita a "superare individualismi e rivalità". Nel corso dell'udienza generale (VIDEO), aveva detto: "Ho rinunciato in piena libertà". Il segretario di Stato Bertone: "Nel nostro cuore c'è un velo di tristezza"

Il Papa ha invitato a vivere la quaresima come tempo per "riflettere" su come "il volto della Chiesa venga a volte deturpato da colpe contro l'unità della Chiesa e divisioni del corpo ecclesiale": superare "individualismi e rivalità" può essere un "segno umile e prezioso per coloro che sono lontani dalla fede". Sono le parole di Benedetto XVI nell'omelia delle celebrazione del mercoledì delle Ceneri, l'ultima prima della fine del pontificato.
Nel corso della mattinata di mercoledì 12, durante l'udienza generale, il Papa ha spiegato di aver "deciso in piena libertà per il bene della Chiesa" di dimettersi (FOTO e VIDEO). Sono "giorni difficili, pregate per me". E' stato il primo incontro pubblico con la comunità dopo l'annuncio dell'addio al pontificato (LO SPECIALE). "Ringrazio tutti per l'amore e la preghiera con cui mi avete accompagnato. Continuate a pregare per me, per il futuro Papa e per la Chiesa" ha chiesto il Pontefice.

L'omaggio di Bertone: "Nel nostro cuore un velo di tristezza" -
Un omaggio è arrivato dal segretario di Stato, Tarcisio Bertone: "Non saremmo sinceri, Santità, se non le dicessimo che questa sera c'è un velo di tristezza sul nostro cuore. In questi anni, il suo magistero è stato una finestra aperta sulla Chiesa e sul mondo, che ha fatto filtrare i  raggi della verità e dell'amore di Dio, per dare luce e calore al  nostro cammino, anche e soprattutto nei momenti in cui le nubi si  addensano nel cielo".

Guarda il video



Il tema dell'unità - Il Papa dimissionario si è soffermato molto sul tema dell'unità della Chiesa, prendendo spunto dall'invito biblico: "Radunate il popolo, indite un'assemblea solenne, chiamate i vecchi, riunite i fanciulli, i bambini lattanti; esca lo sposo dalla sua camera e la sposa dal suo talamo". "La dimensione comunitaria - ha spiegato - è un elemento essenziale nella fede e nella vita cristiana. Cristo è venuto per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi. Il 'Noi' della Chiesa è la comunità in cui Gesù ci riunisce insieme: la fede è necessariamente ecclesiale. E questo è importante ricordarlo e viverlo in questo Tempo della Quaresima: ognuno sia consapevole che il cammino penitenziale non lo affronta da solo, ma insieme con tanti fratelli e sorelle, nella Chiesa".

"La chiesa vive un momento particolare" -
"Mentre mi accingo a concludere il Ministero Petrino chiedo un particolare ricordo nella preghiera". Benedetto XVI ha voluto invocare pubblicamente sostegno spirituale per la su ascelta e l'intercessione dell'Apostolo Pietro "per il cammino della Chiesa in questo particolare momento". Lo ha fatto all'inizio dell'omelia della celebrazione del Mercoledì delle Ceneri, spostata per l'occasione dall'Aventino alla Basilica Vaticana e da lui definita "un'occasione propizia per ringraziare tutti, specialmente i fedeli della Diocesi di Roma".

Leggi tutto