Ratzinger, Padre Lombardi conferma: "Nessuna malattia"

1' di lettura

Il portavoce della sala stampa vaticana ribadisce che il Pontefice si è sottoposto a una sostituzione del pacemaker tre mesi fa, ma esclude abbia a che fare con il suo passo indietro. "Era un'operazione di routine". VIDEO

Non ci sono motivi di ordine medico dietro alle dimissioni di Benedetto XVI. A ribadirlo è stato il portavoce della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, che ha così risposto all'indiscrezione pubblicata dal Sole 24 Ore secondo cui dietro alla scelta del pontefice ci poteva essere un'operazione di sostituzione del pacemaker a cui si era sottoposto tre mesi fa.
"Si è trattato di una sostituzione di routine delle batterie del pacemaker; non è stato assolutamente un intervento rilevante", ha detto in una conferenza stampa, confermando che è avvenuto circa tre mesi fa, ma aggiungendo che "rimane il fatto che questo non ha avuto alcun peso nella decisione [di dare le dimissioni], il motivo risiede nella percezione che le forze sono diminuite con l'avanzare dell'età".

"Sbagliato particolarizzare una problematica" - Lombardi ha anche negato che le difficoltà di guidare la Chiesa cattolica o gli scandali che l'hanno scossa di recente come Vatileaks, abbiano avuto un peso rilevante nella scelta di abdicare. "Credo che sia sbagliato restringere o particolarizzare una problematica che il Papa ha posto in termini ampi, profondi e spirituali, identificandola con un problema di funzionamento di una istituzione, con il caso Vatileaks o con la difficoltà di affrontare una nuova situazione operativa", ha spiegato il portavoce.

"Passerà il suo tempo a pregare" - "La sua decisione manda un messaggio a tutti noi, di umiltà, di coraggio, di saggezza nel valutare la propria situazione davanti a Dio e le responsabilità che ognuno di noi deve esercitare; qualcosa su cui ogni persona può meditare e trarre qualche indicazione saggia per la sua vita".
Il portavoce ha ribadito che il Papa dopo le dimissioni "passerà il suo tempo a pregare e a riflettere" in un convento all'interno delle mura vaticane e non avrà alcuna responsabilità nella guida della chiesa o di tipo amministrativo. Né svolgerà alcun ruolo nell'elezione del suo successore. "Questo è assolutamente chiaro ed è il senso delle sue dimissioni".

Leggi tutto