Legge sulle nozze gay, la Francia approva il primo articolo

1' di lettura

Con 249 voti favorevoli e 97 contrari, l'Assemblea Nazionale dà il primo via libera al provvedimento: "Il matrimonio - si legge nel testo - è contratto tra due persone di sesso differente o del medisimo sesso"

L'Assemblea Nazionale francese, con 249 voti favorevoli e 97 contrari, ha approvato il primo articolo della legge sulle nozze gay. La votazione è avvenuta al termine di un lunghissimo dibattito e la discussione di centinaia di emendamenti. Si tratta dell'articolo chiave del progetto di legge in cui si legge che "il matrimonio è contratto tra due persone di sesso differente o del medisimo sesso". Ora i deputati francesi continuano la discussione del progetto di legge, sul quale sono stati presentati migliaia emendamenti, che si prevede continuerà per due settimane, compresi i weekend.

Il "no" di centristi e Ump". A favore socialisti e verdi -
Come era previsto hanno votato per la legge i deputati socialisti, i verdi e quelli della sinistra, mentre hanno votato contro i deputati dell'Ump - con una sola eccezione - e i centristi.
Lo scorso 13 gennaio erano scese in piazza a Parigi  centinaia di migliaia di persone per manifestare contro le legge che  apre ai matrimoni gay e alla possibilita' per le coppie gay di  adottare bambini. In risposta, il 27 gennaio altre centinaia di migliaia di  persone hanno manifestato sempre a Parigi a sostegno della legge. 

I sondaggi: francesi favorevoli al matrimonio gay -
Secondo gli ultimi sondaggi una vasta maggioranza dei francesi, il  63%, sostiene i matrimoni gay, mentre più basso, il 49%, è il sostegno alle adozioni. "Siamo onorati e fieri di aver superato questa prima tappa, noi affermeremo la libertà per tutti di poter scegliere il proprio  partner con cui costruire un avvenire comune, non c'è alcuna ragione che lo stato non garantisca i diritti del matrimonio" anche alle  coppie gay, ha detto, dopo la votazione, Christiane Taubira, il  ministro della Giustizia relatrice del progetto di legge chiamato "matrimonio per tutti".

Leggi tutto