Brasile, scattano i primi arresti per il rogo in discoteca

1' di lettura

Uno dei proprietari del locale e due componenti della band che si esibiva al momento dell'incendio in cui sono morte oltre 230 persone, sarebbero stati fermati con l'accusa di omicidio colposo. Gravi 80 degli oltre 100 feriti

Uno dei proprietari della discoteca 'Kiss' dove, in un incendio divampato nella notte tra sabato 26 e domenica 27 gennaio, sono morte oltre 230 persone, Elissandro Callegaro Spohr, è stato arrestato nella mattinata del 28 gennaio dalle forze dell'ordine. Lo ha confermato il suo avvocato, Jader Marques. L'uomo si trovava ricoverato da ieri 27 gennaio in un ospedale di Cruz Alta per "intossicazione". Secondo il quotidiano 'Zero Hora', sono nel frattempo finiti in manette anche due componenti della band 'Gurizada Fandangueira': i musicisti sono stati intercettati dalla polizia nei municipi di Mata e Sao Pedro do Sul, precisa la stampa locale. Una quarta persona risulterebbe ancora ricercata.  L’accusa è di omicidio colposo e gli investigatori stanno cercando di stabilire se l'accensione del razzo pirotecnico da parte del cantante della band ha effettivamente scatenato il rogo.

Circa 80 degli oltre cento feriti a seguito dell'incendio scoppiato nella notte tra sabato e domenica all'interno della discoteca 'Kiss' di Santa Maria, in Brasile, si trovano "in gravi condizioni". Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Alexandre Padilha, precisando che i pazienti in questione sono ricoverati in terapia intensiva e respirano attraverso appositi apparecchi. La maggioranza dei feriti - hanno osservato fonti sanitarie - sono stati intossicati dall'inalazione del fumo provocato dal rogo nel locale. Ma ci sono anche alcuni gravemente ustionati. In proposito, Padilha ha reso noto di aver già parlato con i suoi colleghi ministri di Argentina, Uruguay e Perù e di aver contattato "banche della pelle" dei Paesi vicini per eventuali trapianti che "potrebbero risultare necessari".
Intanto si è celebrato in mattinata il primo delle decine di funerali programmati a Santa Maria.

Leggi tutto