Haiti, tre anni dopo il terremoto un documentario in 3D

1' di lettura

Su Sky 3D va in onda il racconto di quattro soccorritori nell'isola dopo il disastro che il 12 gennaio 2010 ha provocato 200 mila vittime. Intanto Amnesty International denuncia: "La situazione resta catastrofica"

In occasione del terzo anniversario del terremoto di Haiti del 12 gennaio 2010, Sky 3D trasmette Sos Vite in pericolo, il documentario che racconta il lavoro dei soccorritori nell'isola dopo il disastro (guarda nel video in alto una clip in anteprima).
I protagonisti sono il comandante di una nave, due piloti e un volontario in azione mentre affrontano le conseguenze del sisma. Al racconto dei soccorritori si alternano le voci dei notiziari e una sequenza animata che ricostruisce i momenti più drammatici.

E a pochi giorni dall'anniversario arriva anche la denuncia di Amnesty International che ha chiesto alle autorità haitiane e alla comunità internazionale di considerare la questione degli alloggi in via prioritaria. Il terremoto ha causato 200.000 vittime e ha reso senza tetto 2,3 milioni di haitiani. Attualmente, 350.000 persone vivono nei 496 campi distribuiti su tutto il paese.

Secondo le testimonianze raccolte da Amnesty International ad Haiti, le condizioni di vita nelle tendopoli stanno peggiorando: "Si registra una forte difficoltà di accedere all'acqua, ai servizi igienici e ai sistemi di raccolta dei rifiuti, circostanze che hanno contribuito alla diffusione di malattie infettive, come il colera. Le donne e le ragazze rischiano stupri e altre forme di violenza sessuale", spiega l'organizzazione in una nota.

Leggi tutto