A Mosca gelo record. Regno Unito travolto dalle inondazioni

1' di lettura

L’eccezionale ondata di freddo che sta interessando l’est Europa ha già causato decine di vittime in Russia e in Ucraina. La Gran Bretagna è invece alle prese con piogge intense. Evacuazioni in Galles e Scozia e disagi nei collegamenti

Non si placa l'ondata di gelo che da giorni attanaglia l'est Europa, mentre il sud ovest della Gran Bretagna e la Scozia sono alle prese con violente inondazioni che hanno causato evacuazioni e disagi a chi è in partenza per le vacanze di Natale. A Mosca e dintorni le vittime sono almeno 88. Nella notte le temperature sono scese sotto i -30 gradi, almeno 12 gradi in meno della media stagionale. In alcune regioni della Siberia orientale in questi giorni le temperature hanno raggiunto i -50 e solo da metà dicembre il gelo ha causato almeno 56 morti e circa 400 ricoveri di persone con sintomi di assideramento. Ancora più pesante il bilancio in Ucraina, dove a morire assiderate sono state almeno 85 persone. Nei Balcani sono complessivamente una decina finora i morti causati dal freddo e dalle abbondanti nevicate dei giorni scorsi.

E mentre l'Europa dell'est deve fronteggiare il gelo, in Gran Bretagna sono le inondazioni a causare i maggiori disagi. Nel sud ovest del paese decine di persone hanno dovuto lasciare le loro case a causa delle violente inondazioni che stanno colpendo anche il Galles e la Scozia. Inoltre, nel week end appena trascorso, diversi viaggiatori in movimento per le vacanze di Natale, hanno subito disagi a causa dell'interruzione di numerosi collegamenti ferroviari in tutto il paese.

Leggi tutto