L'Europa festeggia Obama, le reazioni nel Vecchio Continente

1' di lettura

"Complimenti calorosi al mio amico Barack Obama. Sono impaziente di continuare a lavorare insieme" dice il premier britannico Cameron. Hollande saluta la scelta per "un'America aperta e solidale". Napolitano: "Ammiro responsabilità dei due candidati"

Il Vecchio continente festeggia la rielezione di Barack Obama alla guida della Casa Bianca. Il presidente americano riscuote grande favore in Europa e anche le congratulazioni dei leader politici non si sono fatte attendere. "Complimenti calorosi al mio amico Barack Obama. Sono impaziente di continuare a lavorare insieme", le parole affidate a twitter dal primo ministro britannico, David Cameron, in visita ad un campo profughi siriano in Giordania.

E anche il presidente francese, Francois Hollande, ha detto di essersi rallegrato "calorosamente" per la vittoria di Barack Obama, salutando la "scelta chiara" degli americani "per un'America aperta e solidale, pienamente impegnata sulla scena internazionale". "Sono convinto - ha commentato Hollande in un comunicato diffuso dall'Eliseo - che nel corso del nuovo mandato rafforzeremo ancora la nostra partnership per favorire il ritorno della crescita economica nei nostri paesi, per lottare contro la disoccupazione e per trovare soluzioni alle crisi che ci minacciano, specialmente in Medio Oriente".

La cancelliera tedesca Angela Merkel si è felicitata per la rielezione di Barack Obama, sottolineando la collaborazione Usa-Germanua. "Ho apprezzato particolarmente le nostre numerose discussioni, in particolare quelle su come superare la crisi economica e finanziaria mondiale", ha fatto sapere la Merkel.

E anche in Italia le istitutizioni si congratulano con il presidente. Sottolinea l'importanza della "continuità", con la vittoria di Obama, nella gestione della crisi anche il ministro degli Esteri GiulioTerzi. "La possibilità di continuare a dialogare e cooperare nella gestione finanziaria, nella stabilità dei mercati, nell'integrazione Ue e soprattutto nel rafforzamento dell'euro sono punti fermi dell'amministrazione Usa che vanno a tutto vantaggio del nostro Paese", ha detto intervendo a Rai3. Un sostegno che sarebbe stato "tutto da vedere" con una gestione repubblicana. Anche da Monti e Napolitano messaggi di felicitazioni.

Leggi tutto