Usa al rush finale: Obama chiede fiducia, Romney non molla

1' di lettura

Sprint in 8 Stati per i due candidati nell’ultimo giorno di campagna elettorale. Bruce Springsteen canta per il presidente, che allunga nei sondaggi. Lo sfidante: “L’America tornerà a ruggire”. Martedì 6 novembre il voto. Diretta su SkyTG24  e Sky.it

L'Election Day è arrivato. L'America vota per il nuovo presidente in quelle che potrebbero essere le elezioni più incerte della sua storia. Anche più del 2000, quando tra Bush e Al Gore si sfiorò il pareggio.
Tutti i sondaggi, a meno di 24 ore dall'apertura dei seggi, confermano il testa a testa. Anche se a far sperare i sostenitori del presidente uscente è il dato sul numero dei grandi elettori assegnati in base agli ultimi sondaggi: 303 Obama, 235 Romney. Per conquistare la Casa Bianca ce ne vogliono 270 e il presidente - secondo i calcoli del sito specializzato Real Clear Politics - sarebbe in vantaggio di ben 68 lunghezze. Anche perché in Ohio - lo “swing state” che molto probabilmente sarà decisivo per la vittoria finale - Obama continua a rimanere in testa dai due ai tre punti.
Ma, arrivati alla vigilia del voto, i due candidati non hanno più tempo per guardare ai sondaggi. Il tempo per fare calcoli è finito. Gli ultimi blitz sono negli Stati ancora in bilico, ma già si respira un'aria da fine campagna elettorale: più rilassatezza, ma anche molta stanchezza, mentre si dà fondo alle ultime energie per gli ultimi accorati appelli agli elettori indecisi.

Obama con Springsteen negli Stati-chiave - Quello di Obama è un gran finale: Wisconsin, Ohio e Iowa. Sul palco a fianco a lui Bill Clinton, la First Lady Michelle e Bruce Springsteen, che esalta la folla con alcuni dei suoi brani più celebri. Comizi-concerto, con “The Boss” ospitato a bordo dell'Air Force One. "Io lotto per la libertà degli americani", urla Obama con una voce roca che tradisce lo sforzo enorme compiuto negli ultimi giorni, con un tour de force forsennato da una parte all'altra degli Stati Uniti. "Gli americani non dovrebbero combattere per avere un posto di lavoro", afferma, e "queste elezioni non sono solo una scelta tra politiche diverse, ma una scelta di fiducia".
Il presidente non ci sta a mollare ora: "In questi ultimi quattro anni ho lavorato duro e abbiamo fatto progressi reali, ma resta ancora molto da fare. Per questo sto lottando per avere il secondo mandato. Non si può tornare indietro". Lui ha deciso di seguire le elezioni dalla sua Chicago, dove si trova il quartier generale della campagna democratica, giocando a basket per ingannare il tempo e stemperare la tensione.

Romney ora ci crede - L'avversario Mitt Romney, invece, anche nel giorno del voto, a stringere mani in Pennsylvania e Ohio, prima di andare nella sua roccaforte di Boston con la moglie Ann e i cinque figli. "Ancora un giorno e l'America tornerà a ruggire", è il suo ultimo messaggio ai sostenitori, ai quali assicura: "E' l'ora della svolta, vi porterò fuori dalla crisi. Basta parole inutili, è arrivato il momento di agire". Mitt - partito che nessuno gli dava un dollaro - ora ci crede. Sa che è difficile, ma ci crede. "Io manterrò le promesse e rappresenterò l'intera nazione", dice volendosi gettare definitivamente alle spalle la famosa gaffe del 47% degli americani di cui non gli importa nulla. "E se Obama non ha risolto i problemi, io lo farò”, promette.

Diretta su SkyTG24 e su Sky.it
- SkyTG24, a partire dalle 22 di martedì 6 novembre, seguirà l'evento con interviste, collegamenti dagli Usa e approfondimenti. Diretta in streaming anche su Sky.it, che seguirà la notte elettorale con news, video e foto all'indirizzo www.sky.it/america2012.

Leggi tutto