Sisma in Canada, rientra l’allerta tsunami alle Hawaii

1' di lettura

A scatenare il rischio di un’onda anomala era stata la forte scossa di terremoto, di magnitudo 7.7, registrata nella notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre al largo delle coste canadesi

E' rientrato dopo alcune ore l'allarme tsunami nel Pacifico scattato dopo la forte scossa di terremoto (magnitudo 7,7 della scala Richter) registrata nella notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre al largo delle coste canadesi.
Il centro allerta tsunami del Pacifico (Ptcw), dopo averlo ridimensionato in un primo momento, aveva infatti rilanciato l'allarme per le coste delle Hawaii e in un suo bollettino aveva scritto che "si è generato uno tsunami che potrebbe causare danni lungo le coste di tutte le isole delle Hawaii. Azioni urgenti devono essere prese per proteggere le vite e le proprietà".
Gli abitanti delle coste dell'arcipelago hanno evacuato le aree a rischio dirigendosi verso le aree collinose dell'entroterra.

Le autorità Usa hanno ridimensionato anche il primo allarme tsunami che riguardava il sud dell'Alaska e le Colombia britannica canadese, dopo il forte sisma che ha scosso l'area pacifica del Canada, con una magnitudo 7,7 sulla scala di Richter, nelle isole Queen Charlotte.
Una piccola onda anomala è stata registrata a Craig, in Alaska, ma è stata inferiore alle attese, circa 10 centimetri, e non ha provocato nessun danno.

Leggi tutto