Dall'Egitto allo Yemen, la mappa delle proteste

1' di lettura

Libano, Indonesia, Sudan. E ancora Iran, Afghanistan, Gran Bretagna e Australia. Le manifestazioni e gli scontri nati per la diffusione del film contro l'Islam hanno riguardato quattro continenti e decine di Paesi. IL GRAFICO INTERATTIVO

Le proteste in Libia, con l'assalto al consolato in cui hanno perso la vita quattro funzionari, tra cui l'ambasciatore americano Chris Steven e tre funzionari.
La manifestazione al Cairo e in altre città dell'Egitto. E ancora i tafferugli in Libano, con decine di feriti, e in Marocco, in Indonesia, in Australia e persino a Londra, dove decine di manifestanti hanno protestato di fronte all'ambasciata americana.

Le manifestazioni e le proteste che sono costate la vita a diverse persone dopo la diffusione del film contro Maometto hanno riguardato quattro  continenti (Europa, Asia, Oceania e Africa) e decine di Paesi (guarda la videogallery).

In un grafico interattivo, la mappa delle proteste:


Leggi tutto