Cina, Gu Kailai condannata a morte. Ma la pena è sospesa

1' di lettura

La moglie dell'ex segretario del partito comunista cinese di Chongqing era accusata dell'uccisione di un uomo d'affari britannico. Eviterà la pena capitale se nei prossimi 24 mesi non commetterà altri reati

E' stata condannata alla pena di morte con due anni di sospensione, cioè di fatto all'ergastolo, Gu Kailai, la moglie di Bo Xilai, l'ex segretario del partito comunista cinese di Chongqing, ritenuta responsabile dell'uccisione dell'uomo di affari britannico Neil Heywood.
La sentenza letta da una corte del tribunale di Hefei, nella provincia orientale dell'Anhui, sancisce anche una condanna a nove anni per Zhang Xiaojun, che ha aiutato la donna nell' omicidio, ma il cui ruolo è stato ritenuto marginale.
Gu, nella prima ed unica udienza prima della sentenza aveva ammesso le sue responsabilità nell'omicidio, mossa dalla volontà di proteggere suo figlio, Bo Guagua, minacciato da Heywood.
Se nei prossimi due anni la donna non commetterà altri reati, vedrà verosimilmente la sua condanna tramutarsi in ergastolo, che in un secondo tempo potrebbe essere ridotta a 15 anni di carcere.

Secondo il tribunale, Gu sarebbe stata in preda a debolezza psicologica. Oltre due ore dopo la sentenza, anche l'agenzia Nuova Cina ha riferito la notizia, parlando di sentenza per "omicidio volontario".
Lo stesso tribunale, qualche ora dopo ha condannato a pene tra i 5 e gli 11 anni quattro poliziotti che avevano aiutato Gu Kailai, 'coprendo' l'omicidio di Neil Heywood.
La Gran Bretagna, tramite un comunicato diffuso dall'ambasciata inglese a Pechino, si è felicitata per la fine del processo per l'omicidio del britannico, senza mai citare direttamente la moglie di Bo Xilai.

L'ex segretario del partito di Chongqing era destinato a diventare uno dei membri del Politburo, che verrà rinnovato ad ottobre in occasione del prossimo congresso del partito.
Potente e molto amato dai suoi concittadini, Bo aveva da un lato riportato in auge  il maoismo, dall'altro aveva ripulito Chongqing da criminalità e corruzione. Il suo braccio destro, l'ex poliziotto Wang Lijun, con la sua fuga al consolato americano di Chengdu ha portato non solo alla 'defenestrazione' di Bo ma anche alla scoperta dell'omicidio di Heywood, in un primo tempo archiviato come causato dal consumo di troppi alcolici.

Secondo il tribunale, è stata una email inviata da Heywood a Gu, nella quale l'uomo d'affari britannico minacciava il figlio di lei Bo Guagua, a scatenare la furia omicida della donna. Secondo la ricostruzione, nella seconda metà del 2011 Gu e Heywood ebbero una serie di scontri dovuti ad interessi economici, sfociati nelle minacce alla donna su suo figlio.
Il 13 novembre Gu si sarebbe recata nella stanza di albergo dell'inglese accompagnata da Zhang Xiaojun, impiegato nel comitato municipale di Chongqing del partito comunista e assistente di Bo e sua moglie. Zhang con sé‚ aveva il cianuro preparato da Gu, ma aspettò fuori della porta della camera dell'inglese.
Dopo che Gu e Heywood ebbero bevuto molto, l'inglese si sentì male e vomitò in bagno. Aiutato quindi da Gu e Zhang a salire sul letto, Heywood chiese dell'acqua, nella quale Gu mise il cianuro. Anche se è stato sempre detto che il corpo di Heywood è stato immediatamente cremato, al Xinhua riferisce di una autopsia che avrebbe confermato l'avvelenamento.

Leggi tutto