Libia, attentati a Tripoli nell'ultimo giorno di Ramadan

1' di lettura

Tre autobombe sono esplose nel cuore della capitale causando vittime e feriti. Gli attacchi sono avvenuti in concomitanza con la festa di Eid ul-Fitr, con cui si celebra la fine del mese sacro per gli islamici

L'ultimo giorno di Ramadan in Libia si è trasformato in una strage. Tre autobombe sono esplose nel centro di Tripoli, in coincidenza con la festa di Eid ul-Fitr, con cui si celebra la fine del mese sacro per gli islamici. Il bilancio parziale è di due morti e molti feriti, secondo quanto riferito da fonti della sicurezza nella capitale nordafricana. La tv Al Arabiya ha raccontato che le esplosioni sono avvenute nei pressi del ministero degli Interni e dell'Accademia di polizia femminile.

Il primo ordigno è esploso vicino gli uffici del dicastero degli Interni senza causare feriti. Le forze dell'ordine hanno rinvenuto un altro ordigno non esploso nella stessa zona. Qualche minuto dopo, altre due autobombe sono esplose vicino al quartier generale dell'Accademia di polizia femminile usato dal ministro della Difesa. Le esplosioni hanno ucciso due persone e causato "molti feriti".

Le vittime degli attentati del 19 agosto sono le prime in Libia dalla fine del regno di Gheddafi. Gli attacchi confermano la crescente tensione nel Paese, peggiorate da quando il Consiglio Nazionale Transitorio ha trasferito i poteri all'Assemblea legislativa.

Leggi tutto