Sudafrica, sono oltre trenta i minatori uccisi dalla polizia

La protesta dei minatori a Marikana, in Sudafrica - Foto: Getty
1' di lettura

Si aggrava il bilancio della strage nella miniera di platino di Marikana. Le forze dell'ordine hanno aperto il fuoco sui lavoratori che protestavano per il salario. Il ministro dell'Interno condanna le violenze: "Questo non doveva accadere"

Sale a più di trenta morti il bilancio di sangue degli scontri tra minatori e forze dell'ordine nei pressi della miniera di platino di Marikana, in Sudafrica. A fornire i numeri il ministero della Polizia (mentre l'Unione di minatori precisa che le vittime dovrebbero essere 36), che non nega che il bilancio potrebbe aggravarsi nei prossimi giorni.

"Numerose persone sono rimaste ferite e il numero (dei morti) continua ad aumentare", ha detto il ministro della Polizia Nathi Mthethwa in un'intervista alla radio locale. La polizia ha aperto il fuoco nel pomeriggio di giovedì 16 agosto su un gruppo di minatori armati di machete, bastoni e spranghe di ferro, che si erano rifiutati di disperdersi dopo aver respinto un ultimatum della direzione della miniera che aveva intimato loro di riprendere il lavoro, pena il licenziamento. I lavoratori stavano protestando per chiedere salari migliori.

Il ministro ha condannato le violenze, sottolineando che la polizia aveva negoziato per tre giorni con gli scioperanti. "Questo non doveva accadere" - ha detto - "abbiamo sempre insistito sul fatto che abbiamo delle leggi in questo Paese che permettono alle persone di scioperare, di riunirsi per manifestare, e crediamo che le persone non dovrebbero ignorare questi pilastri del nostro sistema (...) è una situazione terribile per tutti". I fatti di giovedì sono solo l'ultimo capitolo di una situazione di tensione che va avanti da diversi giorni. Domenica scorsa, 10 persone sono uccise durante scontri fra polizia e sostenitori dei sindacati locali presso la stessa miniera.

Leggi tutto