Crisi, la Casa Bianca all'Europa: "Servono azioni immediate"

1' di lettura

In vista del G20 in Messico arriva un nuovo ultimatum dall'amministrazione Usa: "Servono misure nei prossimi giorni e settimane". Secondo la Federal Reserve, la Ue è un "significativo rischio" per l'economia americana

Nuova strigliata degli Stati Uniti all'Europa perché affronti la crisi e punti sulla crescita. In vista del G20 che si svolgerà in Messico dalla Casa Bianca arriva un messaggio netto. "L'Europa sta lottando con una difficile situazione che richiede azioni rapide" ha detto il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney. "Servono azioni immediate nei prossimi giorni e settimane, in vista del G20 in Messico", ha detto Carney, sottolineando che gli Usa si mantengono in costante contatto con le capitali europee. E come a voler enfatizzare il proprio ruolo di stimolo ai governanti europei, il sito della Casa Bianca ha pubblicato come foto del giorno quella in cui Barack Obama parla al telefono con Mario Monti.

E un campanello d'allarme arriva anche dalla Federal Reserve, l'istituto centrale americano, il cui presidente Ben Bernanke, in un audizione al Congresso afferma senza mezzi termini che l'Europa pone "significativi rischi" per l'economia americana."  La crisi nel Vecchio Continente si fa sentire sull'economia americana pesando sulle esportazioni, sulla fiducia di aziende e consumatori e mettendo sotto pressione i mercati finanziari, ha spiegato Bernanke, mettendo comunque in evidenza come le banche americane sono più forti e solide rispetto agli anni scorsi. "Nonostante questo la situazione in Europa pone significativi rischi al sistema finanziario e all'economica americana e va monitorata da vicino".

Leggi tutto