India, i due marò saranno trasferiti in un'altra struttura

1' di lettura

Buone notizie per i militari accusati di aver ucciso due pescatori: le autorità di Kerala hanno accolto la richiesta italiana. Intanto la delegazione del nostro Paese chiede che sia concessa la libertà su cauzione

Le autorità del Kerala hanno accettato di trasferire i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone (accusati di aver ucciso due pescatori indiani) in una struttura esterna al carcere centrale di Trivandrum, la Borstal School di Kochi. La firma sul decreto che dispone la sistemazione di questa struttura - un ex carcere minorile - è stata apposta pochi minuti prima della mezzanotte di mercoledì 16 maggio, entro il limite massimo che per questo era stato posto dalla Corte suprema di New Delhi.

Già in aprile la Borstal School di Kochi (che prende il nome da Borstal, cittadina del Kent dove fu aperto nel 1902 il primo riformatorio di questo tipo) era stata indicata dalla delegazione italiana come possibile alternativa alla prigione dove sono isolati in un'area separata.

La notizia arriva poche ore prima della richeista della delegazione italiana di concedere la libertà dietro cauzione per Latorre e Girone dopo che la Corte Suprema ha chiarito giorni fa che l'iniziativa non era in contrasto con la linea generale seguita finora dall'Italia di non riconoscere la giurisdizione dei tribunali indiani in questa vicenda.
Nel frattempo è giunto a Trivandrum il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura che avrà colloqui con le autorità locali, trattenendosi almeno per tre giorni.

Leggi tutto