Usa 2012, i candidati repubblicani combattono su Wikipedia

Mitt Romney - Getty Images
1' di lettura

La corsa alla nomination è quasi chiusa, ma i segni della lotta tra gli aspiranti sfidanti di Obama è ben visibile sull'enciclopedia online. Dal cane di Romney alla moglie di Gingrich: così i candidati hanno riscritto le loro pagine e la loro vita

di Gabriele De Palma

Su Wikipedia la storia non la si scrive solo, a volte la si fa anche. Basta guardare alla contesa tra i repubblicani per decidere lo sfidante di Obama. La partita è ormai chiusa (solo Ron Paul, il più debole tra gli avversari resta a opporsi a Mitt Romney) ma i segni della battaglia sono tutti visibili sull'enciclopedia online più famosa del pianeta che si rivela così un importante e inaspettato snodo dello scontro politico. Anche in vista della corsa alla Casa Bianca vera e propria.
Da quando sono iniziate le consultazioni repubblicane in giro per gli Stati Uniti, infatti, le pagine dei candidati in corsa sono state modificate centinaia di volte, e gli argomenti più discussi e riscritti sono sintomatici del dibattito avvenuto tra le fila della destra americana. E le impennate di interventi si sono avute in corrispondenza di scontri importanti. Per tutti e quattro i candidati, per esempio, i maggiori interventi si sono verificati alla vigilia delle primarie in Florida, stato particolarmente importante nella campagna. E spesso i tentativi di modifica da parte dei sostenitori e dei detrattori dei candidati sono stati alla fine mediate dallo staff della piattaforma di Jimmy Wales, cercando di tenere le pagine pulite il più possibile da imprecisioni e versioni troppo partigiane.

Questioni di business - A raccogliere la cronistoria di queste guerre di editing ci ha pensato Yahoo, che ha anche visualizzato la battaglia in un'infografica molto accurata. E' Mitt Romeny ad aver subito la maggior parte delle riscritture e in cima alla lista dei quindici argomenti più editati sulla sua pagina c'è Bain, la società di private equity di cui è stato cofondatore nel 1984. Duecentocinquantaquattro modifiche solo per quel tema, presumibilmente per chiarire i motivi e le opportunità che portarono alla nascita di una società di finanziamenti e quale fu l'esatto ruolo del candidato. A giudicare da Wikipedia, il mondo degli affari, largamente frequentato da Romney, è evidentemente uno dei temi più delicati per l'immagine del probabile prossimo avversario di Obama, e lo confermano anche gli altri argomenti ritoccati più volte: business (144), president (125) e company (104). La parte dedicata alla sua carriera ora è molto dettagliata e racconta sia delle capacità di vendere sia del suo senso di equità (come quando ridusse la propria percentuale a vantaggio dei collaboratori, per motivarli), e infine del suo comportamento integerrimo anche a scapito dei profitti, quando si rifiutò di partecipare all'accordo con la Artisan Entertainment perché produceva film per adulti. Insomma ne esce un Romney capace, altruista e moralista: un buon pacchetto per l'elettorato di destra.

Chiesa e cani
- Vicissitudini più contrastate hanno invece avuto altre due argomenti, la chiesa e i cani. Da seguace della Chiesa di Gesù Cristo e dei Santi dell'ultimo giorno, Romney ha contribuito a finanziarne le casse. Tra le riscritture del fatto c'erano due versioni contrastanti: la prima vuole che Romney abbia finanziato la corrente del mormonismo in qualità di credente; la seconda in qualità di uomo d'affari. Quel che è certo è che le donazioni erano consistenti: sia che venissero dal personaggio sia dalla sua Bain Capital, solo negli ultimi due anni si parla di 4 milioni di dollari. Le correzioni ai termini 'chiesa' e 'religione' ammontano a 221 in totale.
Infine i cani, anzi il cane, il setter irlandese Seamus, a cui nel 1983 il candidato del Gop ha fatto fare il percorso di rientro dalle vacanze sul cassonetto del suo pick-up. Il viaggio, di 12 ore da Boston ai Laghi canadesi, ha causato all'animale il mal di stomaco e a Romney accuse di maltrattamenti e crudeltà. La notizia, prima descritta nel testo principale della voce su Wikipedia, è poi stata in parte spostata tra le note. L'argomento cane ha subito 93 modifiche, la parola Seamus è stata invece riscritta 70 volte.

I ritirati - Per Newt Gingrich -  che tecnicamente è ancora in corsa ma ha già annunciato l'abbandono per il prossimo primo maggio – invece le parole che hanno suscitato più dibattito tra i contributori della sua voce su Wikipedia sono state 'etica', 'dimissioni' e 'moglie'. La prima fa riferimento alle 84 accuse dei Democratici durante il suo incarico (tra il 1995 e il 1999) di Presidente della Camera di rappresentanti Usa, sul suo comportamento non irreprensibile: tutte trovate prive di fondamento, tranne una. Le dimissioni sono quelle che Gingrich ha rassegnato proprio da Presidente della Camera, a seguito delle elezioni mid-term del 1998 che diedero pessimi risultati per i Repubblicani. La moglie infine entra nella riscrittura della voce dedicata a Gingrich come parte lesa: secondo alcuni la relazione che il repubblicano ebbe con la giovane (56 lui, 33 lei) Callista Bisek – oggi sua moglie – avvenne quando era ancora sposato con la seconda moglie, Marianne, e avvenne anche sotto mentite spoglie durante il caso Lewinsky, di cui Gingrich era l'investigatore. Secondo Gingrich invece la storia con Marianne era già finita e si era giunti alla separazione. I redattori di Wikipedia alla fine hanno optato per una soluzione neutra: la storia è iniziata nel 1993, mentre il matrimonio con Marianne era ancora in vigore. Ma nessun accenno al caso Lewinsky.
Faccende di sesso e famiglia che negli Usa contano molto, soprattutto per l'elettorato conservatore. Ne sa qualcosa Rick Santorum che infatti, prima di ritirarsi dalla contesa per motivi famigliari, sulla lotta ai facili costumi sessuali ha impostato parte della propria campagna elettorale: per ben 18 volte è stata riscritta su Wikipedia la parte in cui si schiera contro la pornografia, accusando anche Obama di aver chiuso un occhio in materia.

Le newsletter di Ron Paul - La controversia su Ron Paul invece verte tutta su quanto scritto dall'ultimo repubblicano rimasto a concorrere con Romney nelle molte newsletter che compilava. I fatti contestati si riferiscono al periodo tra il 1988 e il 1994 in cui Paul non era al Congresso, e in cui attaccava pesantemente gli afroamericani, gli omosessuali e due miti (sebbene con le dovute differenze) della storia Usa: Martin Luther King e Magic Johnson. Dedicare una festa nazionale al primo è una follia secondo Paul, “è come dedicare una festa nazionale all'odio dei bianchi”. Il secondo invece “sta morendo di Aids per aver violato le leggi morali”. Per fortuna Magic è ancora vivo e la festa che celebra la nascita di Luther King è tuttora in vigore, ma nessuno è riuscito a far cancellare da Wikipedia le offese che il candidato alle primarie in effetti non ha mai del tutto smentito. Si è giunti, alla fine delle riscritture, a una versione più diplomatica in cui le frasi sono state decontestualizzate anche se effettivamente scritte nelle newsletter del repubblicano. Niente da temere comunque per gli elettori statunitensi, nel caso di Paul la storia che racconta Wikipedia è comunque quella di uno che non ha alcuna possibilità di giocarsi la presidenza contro Obama.

Leggi tutto