Liberata la nave "Enrico Ievoli". A bordo anche sei italiani

1' di lettura

La petroliera era stata sequestrata al largo delle coste dell'Oman il 27 dicembre del 2011 e successivamente portata in Somalia. Il comandante: "Stiamo bene, è tutto sotto controllo". Su Twitter la soddisfazione del ministro degli Esteri, Giulio Terzi

La nave Enrico Ievoli è stata liberata. Lo ha annunciato da Jakarta il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. Era stata sequestrata al largo delle coste dell'Oman il 27 dicembre del 2011 e successivamente portata in Somalia. Diciotto i componenti dell'equipaggio: sei italiani, cinque ucraini e sette indiani.

Il tweet del ministro degli Esteri



Il comandante: "Stiamo bene" -
"Stiamo molto bene, è tutto sotto controllo. L'equipaggio sta benissimo". Queste le prime parole del comandante, Agostino Musumeci, riferite dall'armatore Domenico Ievoli. "La nave è già partita dalle coste della Somalia e a bordo ci sono i militari italiani", ha aggiunto Ievoli.

La Enrico Ievoli nel mirino dei pirati - La "Enrico Ievoli" aveva già avuto a che fare con i pirati, nel marzo del 2006. Il cargo era in navigazione al largo delle coste yemenite di Aden quando si erano avvicinati alcuni barchini con presunti pirati a bordo. Il comandante della motonave aveva allora dato l'allarme: era intervenuta in soccorso una unità della Marina militare italiana, la fregata Euro, che si trovava in zona. In quel caso bastò il sorvolo dell'elicottero militare a far allontanare i due motoscafi.

Leggi tutto