India, la Corte di New Delhi ammette il ricorso sui marò

1' di lettura

Nuove speranze per i due militari italiani fermati con l'accusa di aver ucciso due pescatori. I giudici: richiesta ammissibile. Intanto la stampa locale celebra Latorre: "Ha salvato una persona da un incidente"

(in fondo all'articolo tutti i video sulla vicenda)

La Corte Suprema di New Delhi ha deciso di ammettere il ricorso presentato dall'Italia in merito all'incostituzionalità della detenzione dei due marò, fermati in India con l'accusa di aver ucciso due pescatori. I giudici hanno chiesto al governo dell'Unione indiana e allo stato del Kerala di presentare una memoria. La prossima udienza è stata fissata per il prossimo 8 maggio.

La notizia arriva poche ore dopo la pubblicazione, da parte del quotidiano indiano The new sunday express, di un "atto di eroismo" di uno dei due marò. "Massimiliano Latorre, un eroe" è l'articolo di un articolo, corredato da un'eloquente foto a colori, che racconta l'atto di eroismo di cui il marò tarantino sarebbe stato protagonista sabato 21 aprile all'esterno del carcere di Trivandum, dove insieme con il collega Salvatore Girone si recava al colloquio giornaliero con i familiari.

Nella ressa creatasi per riprendere i due marò, un fotoreporter con una maglietta gialla è inciampato ed è finito per terra proprio mentre un'automobile, alle sue spalle, stava facendo retromarcia. Latorre - riportano i media indiani, e una fotografia immortala l'attimo - ha intuito il pericolo e si è lanciato verso la vettura, bloccandola con le mani. Alla scena hanno assistito i responsabili della polizia che si occupavano del trasferimento dei due marò in un parlatorio di fronte alla prigione. Il fotoreporter, Aijaz Rahi, di 39 anni, attraverso i familiari ha ringraziato Latorre per il gesto.

"Magari parlare di eroismo è un po' troppo - ha detto un membro della delegazione italiana testimone oculare dell'incidente avvenuto ieri vicino al carcere di Trivandrum - ma certamente Latorre ha dimostrato prontezza di riflessi ed impedito che il fotoreporter caduto a terra potesse essere ferito dal veicolo".

Leggi tutto