Stop alla legge di Obama che alza le tasse ai super ricchi

1' di lettura

Respinta in Senato la cosiddetta “Buffet Rule”, dal nome del noto miliardario che da anni denuncia di pagare meno imposte della sua segretaria. Il presidente attacca: “I repubblicani proteggono gli sgravi fiscali dei più benestanti”

Con un voto prevedibile, i senatori repubblicani riescono a bloccare la riforma fiscale di Barack Obama, la cosiddetta Buffett Rule, che propone l'innalzamento delle tasse per i super ricchi d'America. Il provvedimento prende il nome dal noto miliardario Warren Buffett, che ormai da anni insiste che non è possibile che lui, magnate della finanza e ultra-ricco versi in tasse allo Zio Sam meno della sua segretaria. La proposta prevede un innalzamento delle aliquote, a partire del 30%, per i grandi redditi. Si tratta di una legge che da mesi Barack Obama sta presentando in lungo e in largo in tutto il Paese e che è diventato una sorta di bandiera, di manifesto della sua campagna per la rielezione.

La Buffett Rule è stata respinta dal Senato 51 a 45. In pratica i democratici non sono riusciti a ottenere i 60 voti necessari per sconfiggere il boicottaggio della legge da parte della destra repubblicana. Un voto che ha scatenato la reazione, a caldo, del presidente Barack Obama: "I repubblicani hanno scelto ancora una volta di proteggere gli sgravi fiscali per i pochi straricchi d'America, a spese del ceto medio. La Buffett Rule - prosegue la nota ufficiale della Casa Bianca – è una proposta di buon senso. In un momento in cui abbiamo un grave deficit da coprire e ingenti investimenti da fare per rafforzare la nostra economia, semplicemente non possiamo continuare a perdere denaro in tagli alle tasse degli americani più ricchi, agevolazioni che non chiedono e di cui non hanno alcun bisogno".

Come insiste da mesi, Obama anche ora sottolinea che la sua proposta risponde "semplicemente a un principio di giustizia elementare, minimo". "E' totalmente sbagliato che milioni di americani del ceto medio paghino un aliquota fiscale più alta di alcuni milionari e miliardari. L'America è prospera quando tutti siamo coinvolti e ognuno ha l'opportunità di avere successo. Una delle sfide principali dei nostri tempi - aggiunge Obama – è costruire un'economia in cui ognuno ha le sue opportunità, tutti fanno la propria parte e tutti giocano secondo le stesse regole. Continuerò a spingere il Congresso ad andare avanti, non solo - conclude Obama - per recuperare una certa sicurezza economica per il ceto medio e per quelli che cercano di entrare nella classe media, ma anche per creare un'economia costruita per durare".

Leggi tutto