India, Bosusco a SkyTG24: "E' stata dura, ma sto bene"

1' di lettura

Dopo 28 giorni i ribelli maoisti hanno rilasciato l'operatore turistico. Era stato sequestrato il 14 marzo insieme a Claudio Colangelo, che dice: "Ora mi sento finalmente libero" . Il padre di Bosusco: "Mio figlio è un grande personaggio". FOTO E VIDEO

Guarda anche :
Chi sono Paolo Bosusco e Claudio Colangelo: FOTO
Chi sono gli italiani ancora in ostaggo nel mondo. FOTO

(in fondo all'articolo tutti i video sui due italiani rapiti in India)

"Sono finalmente libero, sto bene". Queste le prime parole di Paolo Bosusco . L'italiano, sequestrato dal gruppo di ribelli maoisti il 14 marzo nella foresta di Soroda, nell'Orissa indiano, è stato rilasciato giovedì 12 aprile. ( LE FOTO )
"C'è stato qualche problema, ma niente di particolare", ha detto Bosusco spiegando di avere avuto due attacchi di malaria e di avere avuto cibo scadente anche se "i maoisti hanno cercato di darmi quello che potevano". Bosusco ha poi salutato "tutti quelli che mi vogliono bene... non preoccupatevi, sapete che sono forte", e ha ironizzato sui "28 giorni di vacanza pagata". Una battuta - ha poi spiegato a SkyTG24 - che è stata male interpretata: "Forse non dovevo fare quella battutaccia, ho scherzato e riso per rassicurare i miei parenti e i miei amici". 
La notizia della liberazione è stata annunciata verso le 7 (ora italiana) dall' emittente indiana Ndtv e poi confermata sia dall''ambasciatore d'Italia in India Giacomo Sanfelice, sia dal ministro degli Esteri Giulio Terzi.
"Un importante risultato che ci riempie di soddisfazione" ha detto il titolare della Farnesina. "Ora - ha aggiunto il ministro  - il nostro lavoro continua con la stessa determinazione per assicurare la liberazione di coloro che sono ancora ostaggio di rapitori in altri paesi ". Ed ha aggiunto: "Ai loro familiari, e ai congiunti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone , va il nostro pensiero. Condividiamo l'angoscia che stanno vivendo in queste ore. La Farnesina è al loro fianco e prosegue la sua azione per la soluzione positiva di tutti i casi ancora aperti".
"Oggi mi sento finalmente libero, fino a ieri non era proprio così", ha commentato a SkyTG24 invece l'altro ostaggio, Claudio Colangelo (liberato nei giorni scorsi):



Il papà di Paolo: "Sono molto emozionato" - "Sono molto emozionato e ora molto più tranquillo" ha dichiarato Azeglio Bosusco dopo aver sentito al telefono il figlio Paolo. E aggiunge: "Mio figlio è un grande personaggio. La sua storia è interessantissima". ( GUARDA IL VIDEO )

Sotto sequestro per 28 giorni - Mercoledì 11 aprile il leader maoista Sabyasachi Panda aveva annunciato che Bosusco sarebbe stato liberato con un "processo democratico". Per soddisfare le richieste dei rapitori, che a un certo punto avevano minacciato "un passo estremo", le autorità hanno liberato la moglie del leader maoista e promesso di facilitare il rilascio di altri prigionieri.
Bosusco, guida turistica di 54 anni, era stato rapito lo scorso 14 marzo durante una visita ad alcune tribù nella giungla insieme a Claudio Colangelo, liberato il 25 marzo . Si è trattato del primo sequestro di stranieri da parte dei ribelli. I maoisti hanno detto di avere rapito i due italiani perché stavano fotografando delle donne che facevano il bagno nel fiume, accusa respinta da Colangelo dopo il rilascio.
I guerriglieri maoisti - o Naxal - da decenni lottano in una vasta area dell'India centro-orientale e sono considerati la principale minaccia alla sicurezza interna. Dicono di combattere per i diritti di milioni di senza terra. Centinaia di persone muoiono ogni anno nel conflitto.

Leggi tutto