Foto, appunti e video: online l’eredità culturale di Mandela

L'home page dell'archivio digitale di Nelson Mandela
1' di lettura

Google e il Nelson Mandela Centre of Memory pubblicano sul web documenti, fotografie e filmati che raccontano la vita e l’impegno dello statista sudafricano. "In questo modo tutti possono esplorare e farsi ispirare dalla sua storia"

La corrispondenza con familiari, amici, collaboratori. Ma anche i diari scritti durante i 27 anni trascorsi in carcere, foto e immagini rare della sua cella a Robben Island, gli appunti redatti mentre guidava la negoziazione che ha portato alla fine dell'apartheid. Tutto questo e anche di più diventa un immenso archivio di Nelson Mandela disponibile su Internet grazie a un progetto del Google Cultural Institute in collaborazione con il Nelson Mandela Centre of Memory. Non solo storici, accademici, ricercatori e attivisti: chiunque ora potrà accedere liberamente a informazioni sulla vita e l'impegno del grande statista sudafricano, 93 anni, che di recente ha fatto stare il mondo in apprensione per i suoi problemi di salute. Una memoria digitale che mette quindi a disposizione di tutti l'eredità culturale di una delle figure centrali della nostra storia. “Questa iniziativa digitale ci permetterà di raggiungere chiunque nel mondo sia interessato alle nostre attività, dalle elite ai sudafricani meno fortunati”, ha spiegato Verne Harris del Nelson Mandela Centre of Memory.

Attualmente l'archivio digitale include oltre 1.900 immagini, documenti e video e continuerà a crescere nel tempo. È organizzato in sezioni che ripercorrono la vita di Nelson Mandela, dagli inizi agli anni della prigionia, a quelli della presidenza fino al ritiro dalla vita politica. E c'é anche una parte dedicata al rapporto con i giovani. Tra i testi disponibili online anche quelli, mai resi pubblici, per il seguito dell'autobiografia “Lungo cammino verso la libertà”. “I sudafricani di tutte le estrazioni potranno prendere contatto con importanti elementi della storia del nostro Paese – ha sottolineato Luke Mckend, country manager di Google Sudafrica – ad esempio leggendo le pagine scritte a mano di una lettera trapelata da Robben Island nel 1977 o guardando i mandati di cattura che hanno condotto Mandela in carcere, inizialmente per cinque anni e poi per una vita”.

Per preservare e digitalizzare tutti questi documenti, nel 2011 Google aveva erogato al Nelson Mandela Centre of Memory 1,25 milioni di dollari. "L'innovativo progetto è la prova di come Internet possa proteggere l'eredità storica e diffonderla nel mondo – ha detto Steve Crossan, direttore dell'Istituto Culturale di Google –. Abbiamo lavorato a stretto contatto con il Nelson Mandela Centre of Memory per realizzare un luogo d’interazione online dotato di strumenti avanzati che consentisse agli utenti di esplorare e farsi ispirare dalla storia della vita di Mandela”. La digitalizzazione dei documenti sullo statista sudafricano è solo l’ultima iniziativa del Cultural Institute di Google. Altri progetti in collaborazione con partner internazionali sono stati la digitalizzazione dei manoscritti del Mar Morto, di migliaia di opere d'arte con Art Project e la digitalizzazione dei materiali sull'Olocausto del centro per la memoria Yad Vashem di Gerusalemme.

Leggi tutto