Germania, nelle elezioni locali sorprendono i Pirati

Il Partito dei Pirati festeggia il risultato nel Saarland
1' di lettura

Importante test elettorale in vista del voto nazionale del 2013. In Saarland la Cdu di Angela Merkel si conferma primo partito e si avvia a formare una grosse Koalition con la Spd. Ma il vero fenomeno è la Piratenpartei, che ottiene il 7,6% dei voti

Guarda anche:
Marina Weisband, la "piratessa" che preferisce la laurea alla politica
I Pirati tedeschi entrano nel parlamento di Berlino. FOTO
Dalle urne di Berlino escono vincitori i Pirati

In Saarland, il più piccolo dei sedici Länder che compongono la Repubblica Federale Tedesca, i cristiano-democratici di Angela Merkel si confermano, nelle elezioni locali di domenica 25 marzo, il primo partito, mentre la Spd si deve accontentare della seconda piazza. Crollano invece ai loro minimi storici (un imbarazzante 1,2%) i liberali della Fdp, attualmente partner della Cancelliera a Berlino, e sorprendono i Pirati, che con il 7,6% dei voti, entrano per la seconda volta in un parlamento regionale tedesco e si confermano una realtà politica più solida di quanto si potesse immaginare.

Tutti i risultati - Le elezioni locali, un importante test in vista delle elezioni federali del 2013, si sono rese necessarie dopo che lo scorso gennaio la cosiddetta coalizione giamaica (dai colori dei tre partiti che la componevano, Cdu (nero), liberali (giallo) e i Verdi) guidata dalla cristiano-democratica Annegret Kramp-Karrenbauer era stata sfiduciata. Il responso delle urne ha visto la Cdu confermare con il 35,2% dei voti il risultato delle precedenti elezioni del 2009. I socialdemocratici guidati a livello locale da Maiko Haas, pur guadagnando oltre il 6% dei voti, sono andati peggio delle loro aspettative restando, con il 30,6%, il secondo partito del Land. La Linke, il partito di estrema sinistra guidato da Oskar Lafontaine, ex leader proprio dei socialdemocratici, perde il 5% ma si conferma terzo partito con il 16,1%. Al quarto posto la vera sorpresa della politica tedesca degli ultimi mesi. Il Partito dei Pirati ottiene il 7,4% dei consensi e porta ben quattro deputati nel Landtag. Male (rispetto al resto della Germania) i Verdi con un risicato 5% che gli permette di superare per un soffio la soglia di sbarramento. Un disastro che preoccupa anche Berlino invece il tracollo dei liberali della Fdp che perdono per l'8% dei voti e scendono all'1,2% .

Verso una grosse Koalition - A livello locale la soluzione, già ipotizzata in campagna elettorale, sarà una grosse Koalition tra cristiano democratici e Spd, guidata dalla governatrice uscente Kramp-Karrenbauer. I socialdemocratici  già prima del voto avevano escluso ogni possibile alleanza a sinistra con la Linke. A livello nazionale, invece, il tracollo dei liberali rischia di alzare la tensione all'interno del governo di Angela Merkel. I liberali della Fdp, guidati dal ministro dell'Economia Philip Rossler, stando ai più recenti sondaggi, sono ai loro minimi storici, sotto la soglia di sbarramento del 5%, in quasi tutti i Länder della Repubblica. Una situazione che potrebbe spingerli a cercare un confronto più serrato e meno disponibile al compromesso con gli alleati della Cdu.
L'attenzione si sposta ora allo Schleswig-Holstein, il land più settentrionale, e soprattutto al Nord-Reno Vestfalia, la regione più ricca, nei quali si voterà rispettivamente il 6 e il 13 maggio prossimo. Se i liberali dovessero fallire anche lì l'ingresso nei parlamenti locali le conseguenze politiche si farebbero sentire anche a Berlino.

Leggi tutto