Tv indiana: liberato un italiano. Ma non ci sono conferme

1' di lettura

Si tratterebbe di Claudio Colangelo, sequestrato insieme a Paolo Bosusco da un gruppo di maoisti il 14 marzo. Lo ha annunciato NdTv. “E’ stata un’esperienza spaventosa”, avrebbe detto al canale all news. La Farnesina: avviate verifiche. ASCOLTA L’AUDIO

Guarda anche:
Tv indiana: rapiti due italiani da un gruppo maoista
Chi sono Paolo Bosusco e Claudio Colangelo: FOTO

(in fondo all'articolo tutti i video sui due italiani rapiti in India)

Claudio Colangelo sarebbe stato liberato. A dare la notizia del rilascio del turista italiano, rapito insieme a Paolo Bosusco il 14 marzo nello stato indiano di Odissa, è stata NdTv, una tv locale. Non ci sono però conferme ufficiali. “E’ stata un’esperienza spaventosa”, avrebbe detto al canale all news.

Le verifiche della Farnesina -
Il console generale Melchiori - che nella notte tra sabato 24 e domenica 25 ha parlato più volte con il capo negoziatore Behera, 'numero due' del Dipartimento dell'Interno dell'Orissa - sta tentando di raggiungere telefonicamente i giornalisti che hanno diffuso la notizia della liberazione dal luogo, una selva impervia, dove si troverebbero i due italiani. Ma finora non è stato possibile contattarli.

Odissa, riunita l'unità di crisi -
Intanto il "chief minister" dello Stato indiano di Orissa Naveen Patnaik ha presieduto una riunione della unità di crisi istituita dopo il sequestro. Lo hanno reso noto i media a Bhubaneswar. Durante l'incontro, a cui hanno partecipato i principali collaboratori di Patnaik, è stata esaminata la situazione creatasi dopo la sospensione delle trattative fra governo e rappresentanti dei maoisti, dovuta fra l'altro anche al sequestro avvenuto sabato 24 del deputato tribale locale Jhina Hikaka da parte di una fazione maoista rivale a quella che ha rapito Bosusco e Colangelo.
All'inizio del pomeriggio indiano non si aveva alcuna notizia di conferma della possibile liberazione degli ostaggi italiani da parte dei maoisti guidati da Sabyasachi Panda il quale, dopo aver condannato il sequestro del deputato Hikaka non ha finora risposto all'appello di Patnaik di nominare altre personalità che negozino per loro conto al posto delle due che ieri si sono dimesse.

Leggi tutto