Tolosa, Sarkozy: "La Francia ha dato prova di sangue freddo"

1' di lettura

Il titolare dell'Eliseo in un discorso alla televisione, dopo il blitz in cui è morto Mohamed Merah, annuncia che saranno puniti gli autori e i visitatori di siti internet che incitano all'odio. "Saremo implacabili nel difendere i nostri valori". IL VIDEO

Guarda anche:
Il blitz delle forze speciali: FOTO
Spari davanti a una scuola di Tolosa: FOTO
Il giorno dopo dolore e tensione: FOTO

(in fondo all'articolo tutti i video sulla sparatoria a Tolosa)

"E' stato fatto il possibile per consegnarlo vivo alla giustizia ma non era concepibile esporre a rischi altre vite. C'erano stati troppi morti" ha detto Nicolas Sarkozy in un discorso alla Francia poche ore dopo la conclusione del blitz delle teste di cuoio a Tolosa in cui è morto Mohamed Merah, il franco-algerino accusato della strage davanti alla scuola ebraica Ozar Hatorah. "La Francia ha dato prova di sangue freddo e determinazione. Deve restare unita e superare l'indignazione" ha continuato il presidente francese, annunciando anche la decisione di introdurre nuovi provvedimenti nella lotta al terrorismo.

Gli autori di siti internet che incitano alla violenza e al terrorismo e i navigatori che li consultano abitualmente saranno puniti penalmente, come pure coloro che vanno all'estero per farsi indottrinare, ha detto Sarkozy, senza entrare però nel dettaglio di come intenderà attuare questi controlli. La Francia, ha continuato il presidente, "sarà implacabile nel difendere i suoi valori e non tollererà indottrinamenti, né condizionamenti ideologici sul proprio territorio". Il titolare dell'Eliseo ha quindi invitato ad avviare una riflessione anche "sulla diffusione di queste ideologie terroriste nell'ambiente delle prigioni": "Le nostre carceri", ha avvertito, "non devono essere terreno di indottrinamento."

Sarkozy ha quindi lanciato un appello affinché non ci siano rappresaglie contro i musulmani in Francia: "I francesi devono superare la loro indignazione e non lasciare libero corso alla loro rabbia. I nostri compatrioti musulmani non hanno niente a che vedere con le motivazioni folli di un terrorista. Non bisogna fare confusione ".

Leggi tutto