Daily Telegraph: “Ostaggi uccisi con un colpo alla testa”

1' di lettura

Secondo il quotidiano Franco Lamolinara e Cristopher McManus sono stati ammazzati prima ancora che le Sbs, le teste di cuoio della Royal Navy, entrassero nel compound in Nigeria. The Independent: “Roma sapeva del blitz, ogni protesta sarebbe in malafede”

Guarda anche:
L'uccisione di Lamolinara sui giornali: RASSEGNA STAMPA
Nigeria, ucciso in un blitz Franco Lamolinara
Dicembre 2011: oltre 100 morti in Nigeria
Ad agosto bomba nella sede Onu

L'Italia era stata allertata sulla possibilità di un blitz in Nigeria per liberare Franco Lamolinara e Cristopher McManus, i due ostaggi uccisi giovedì 8 marzo. E non si era opposta. E' quanto sostengono fonti diplomatiche britanniche citate dal quotidiano inglese The Independent. Secondo quanto dichiarato al giornale inglese , gli "italiani erano stati allertati e avevano convenuto che vi sarebbe potuta essere la necessità di un intervento con brevissimo preavviso". Le stesse fonti hanno quindi sostenuto che le proteste del governo italiano sarebbero "in malafede". Diversa la versione del governo italiano che con una nota ha spiegato di essere stato avvisato solo "ad azione avviata".

Dai giornali britannici emergono altri dubbi e indiscrezioni su quanto accaduto in Nigeria.  In casi "normali" un blitz del genere si sarebbe svolto di notte preferibilmente prima dell'alba, scrive il Daily Telegraph ma "per ragioni che restano non chiare le Sbs (le teste di cuoio dell'esercito britannico ndr) sono state costrette a fare un attacco in pieno giorno".  In un segno di fretta, hanno detto fonti al giornale, i soldati hanno posto in atto un piano di "risposta di emergenza" invece del più coordinato piano di "risposta deliberata".

Sempre sul Daily Telegraph si legge che i due ostaggi sono stati uccisi dai rapitori "con un colpo ravvicinato alla testa" una volta cominciato il raid delle forze speciali. Il giornale britannico cita una fonte di sicurezza nigeriana: "Sono stati uccisi prima ancora che le Sbs entrassero nel compound".

Leggi tutto