Alexei Navalny il blogger russo che sfida Putin

Il blogger russo Alexei Navalny
1' di lettura

Arrestato per la seconda volta lunedì 5 marzo durante le proteste contro i presunti brogli elettorali, e poi rilasciato, l'avvocato di 35 anni è dal 2009 uno dei più attivi oppositori del presidente russo

Guarda anche:
Il quartier generale di Alexei Navalny. LE FOTO
Putin al seggio con la moglie: LE FOTO
Pussy Riot, il gruppo punk che sfida Putin

di Greta Sclaunich

Occhi di ghiaccio, sorriso un po’ timido. Ad Alexei Navalny, il blogger russo leader del movimento di opposizione al premier – e futuro presidente – Vladimir Putin, l’aria da puro e duro calza a pennello. Quello che non teme nessuno, che non si arrende davanti a niente. Nemmeno davanti a Putin, e neanche davanti alla polizia: arrestato per la seconda volta all’indomani delle elezioni presidenziali, ha twittato personalmente i dettagli del fermo. Insieme a lui nelle manifestazioni di protesta per la vittoria di Putin nelle elezioni del 4 marzo (le opposizioni denunciano pesanti brogli) sono state fermate oltre 250 persone tra Mosca e San Pietroburgo. Navalny e tutti gli altri fermati, secondo quanto ha reso noto un portavoce delle forze dell'ordine locali, sono stati poi rilasciati.

Non è la prima volta che Navalny finisce in manette. Era già successo a dicembre quando, leader delle proteste contro i brogli nelle elezioni per il rinnovo della Duma, aveva dichiarato che “i ladri” governano la Russia. Non guida nessun partito, ma ha un blog seguitissimo con cui rivela i legami tra le grandi aziende ed i poteri forti del governo russo. Ai russi piace: dicono che è come leggere un romanzo, ti tiene con il fiato sospeso e non sai mai cosa succederà nel prossimo capitolo.  Qualche esempio? Appalti truccati, documenti riservati, accordi sottobanco tra politici e industriali.

Lui – avvocato di 35 anni – non si limita a denunciare la corruzione in Russia tramite blog e Twitter (anche in inglese). In Rete lo fa dal 2009, ma il suo impegno politico era cominciato con la militanza nel partito di opposizione Yabloko dove si è impegnato dal 2000 fino al 2007.

Da dicembre organizza manifestazioni, scende in piazza e arringa la folla. Per le elezioni presidenziali ha organizzato una giornata di incontri, interviste e dibattiti nella sede del suo movimento, il bar Masterskaya accanto a piazza del Maneggio, nel centro di Mosca. Davanti a telecamere e macchine fotografiche è a suo agio, si mette in posa quando glielo chiedono: guarda l’obiettivo con i suoi occhi di ghiaccio, sorride. Poi, viso serio e occhi bassi, si immerge di nuovo nel suo iPhone e nelle conversazioni con gli altri oppositori. Ha l’aria del cospiratore – anche se indossa jeans e maglietta e gira con uno zainetto dove tiene laptot, telefono e altri aggeggi tecnologici. Mentre si muove tra i tavoli sembra una persona semplice e affabile. Ma poi ogni tentativo di parlarci di persona si infrange contro la sua severa assistente, una minuta 30enne pratica e meticolosa. L’unica cosa che si può fare è ascoltarlo: mentre arringa la folla, mentre ripete l’invito a scendere in piazza per protestare contro Putin. In pubblico parla con voce ferma ma mai troppo alta. Tranne quando scandisce chiaramente – e lo fa alla fine di ogni discorso – l’invito a scendere in piazza, ancora e ancora. Finché Putin non capirà con chi ha a che fare.

Leggi tutto