Siria, si vota il referendum voluto da Assad. Sotto le bombe

1' di lettura

Continuano le violenze nel giorno in cui il popolo è chiamato a votare la nuova Costituzione che sopprime il monopolio del partito Baath ma mantiene ampi poteri al presidente. In due giorni si registrano oltre 100 vittime

Guarda anche:
Vai allo speciale Mediterraneo
TUTTE LE FOTO
Siria, la Croce Rossa ad Homs: scatta il piano evacuazione

(in fondo all'articolo tutti i video sulla Siria)

Due Sirie si sono fronteggiate domenica 26 febbraio: quella degli elettori che hanno affollato i seggi a Damasco, Aleppo e altre città per un referendum su una nuova Costituzione proposta dal regime di Assad, e quella delle popolazioni delle aree vittime della repressione governativa, che hanno boicottato la consultazione.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh), con sede a Londra, ha riferito che altre 31 persone hanno perso la vita nelle violenze, dopo che sabatoun centinaio erano state uccise nella repressione. A Homs, precisa la fonte, nove civili sono morti sotto i bombardamenti del regime e quattro soldati lealisti sono stati uccisi in scontri con ribelli, mentre nel resto del Paese sono morti otto civili e dieci membri delle forze di sicurezza.

Il Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr) intanto ha detto di non essere ancora riuscito a raggiungere un accordo con le forze del governo e dei ribelli per evacuare i feriti dal quartiere di Bab Amro a Homs, tra i quali la giornalista francese Edith Bouvier e il fotografo irlandese Paul Conroy.

Se all'inizio delle proteste, nel marzo 2011, la richiesta delle opposizioni era di una democratizzazione del sistema politico, undici mesi di sangue hanno cambiato la situazione e spinto il fronte anti-regime a boicottare il referendum odierno su una carta costituzionale che cancella il ruolo guida del partito Baath del presidente Bashar al Assad e apre la strada alla formazione di nuovi partiti che dovrebbero partecipare entro tre mesi a elezioni parlamentari, ma mantiene ampi poteri al presidente.

A Damasco tuttavia l'affluenza alle urne è apparsa molto elevata, in particolare nel quartiere cristiano di Bab Touma e attorno alla Piazza Saba Bahrat, o nei dintorni della Piazza degli Omayyadi, dove lo stesso Assad e sua moglie Assma hanno votato. "Sul terreno siamo noi i pi+ forti", ha affermato Assad dopo aver deposto la scheda nell'urna. Sostenitori del referendum hanno dato vita a caroselli di auto lungo il Viale Mezzeh e altre importanti arterie della capitale e la televisione ha trasmesso immagini in diretta di elettori che votavano in altre città. Anche le autorità tuttavia riconoscono che si attende una partecipazione al voto molto bassa nelle aree più colpite dalle violenze. "Il referendum si sta svolgendo nella maggior parte delle province con un forte afflusso, con l'eccezione di alcune aree", ha sottolineato in un comunicato il ministero dell'Interno, che in serata ha reso noto di aver prorogato in alcuni governatorati di tre ore l'apertura dei seggi.

Sul piano internazionale, mentre il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha liquidato il referendum come "una farsa", l'emiro del Qatar Hamad bin Khalifa al Thani ha detto che "questo non è un buon momento per tenere elezioni". Ma molto prudente siè mostrato il segretario di Stato americano Hillary Clinton, che pur esortando direttamente l'esercito siriano a "far prevalere gli interessi del Paese", ha affermato che "tutti i siriani devono lavorare insieme nella ricerca di un migliore avvenire" e ha avvertito che un eventuale intervento esterno potrebbe precipitare una "guerra civile".

Il Consiglio nazionale siriano (Cns), principale formazione dell'opposizione, ha accusato proprio il regime di cercare di fomentare una guerra confessionale e ha lanciato un appello perché‚ non cadano in questa trappola gli alawiti, la comunitàsciita di cui fa parte Assad, ma nella quale si contano numerosi oppositori, tra i quali alcuni siedono nello stesso Cns.

Leggi tutto