Sarkozy imita Obama. E pubblica online la sua playlist

1' di lettura

Il presidente francese ha postato sul sito Deezer le sue nove canzoni preferite: grandi classici francesi e un romantico brano composto da Carlà. Niente a che vedere con i 28 grintosi brani scelti dal presidente americano, diffusi su Spotify. VIDEO

Sulle elezioni guarda anche
Francia 2012: tutte le notizie
America 2012: tutte le foto - lo speciale di Sky.it


di Greta Sclaunich



Romantica e francese: ecco la playlist del presidente Nicolas Sarkozy, compilata su Deezer (sito web d’oltralpe di musica on demand) e diffusa via Facebook. Tra le canzoni, nove in tutto, grandi classici della canzone francese come Charles Aznavour e George Brassens, un più moderno (ma comunque datato) Johnny Halliday e – unico titolo straniero – “Love me tender” di Elvis Presley. Poteva mancare la Première dame? No, e infatti la lista si chiude con una canzone di Carla Bruni, “L’amoureuse” (l’innamorata).



Un tentativo, quello di Sarkò, di rispondere per le rime all’opposizione che da quando si è aperta la campagna elettorale per le presidenziali 2012 lo ha più volte accusato di non puntare abbastanza sul made in France? Certo è che artisti e canzoni sembrano fatti apposta per rievocare una Francia da cartolina, con ritmi d’antan piacevoli e rilassanti. Con una strizzata d’occhio alla multietnicità del Paese: tra i titoli figurano anche “Les gens du Nord” del cantante di origini algerine (e di famiglia ebraica) Enrico Macias (vero nome: Gaston Ghrenassia) e “C'est dit” di Calogero, cantante di origine italiana.



Niente a che vedere con la playlist di Barack Obama, diffusa a inizio febbraio su Spotify, la piattaforma per l’ascolto gratuito di musica in streaming (non disponibile in Italia). Il presidente uscente degli Stati Uniti, che sfiderà il candidato repubblicano nelle presidenziali del prossimo novembre, ha scelto 28 brani che spaziano dal rock dei No Doubt al pop di Ricky Martin. Ci sono anche titoli più impegnati scelti dalla grande tradizione blues: “Let’s stay together” di Al Green (canzone che ha canticchiato lo stesso Obama durante un meeting a New York) e “The weight” di Aretha Franklin. Un po’ di sano rock come quello di Bruce Springsteen e degli U2 e pure un brano da film: “Love you I do” cantato da Jennifer Hudson e tratto dalla colonna sonora del film Dreamgirls.

Leggi tutto