Rogo del Corano, soldato afghano uccide due militari Usa

1' di lettura

E’ accaduto nell’est dell’Afghanistan. Nei giorni scorsi i talebani hanno esortato la popolazione ad attaccare gli occidentali per rappresaglia alla profanazione di alcune copie del libro sacro dell'Islam in una base. Barack Obama si scusa con Karzai

Guarda anche:
Afghanistan: immagini dal fronte. Tutte le foto
Afghanistan, Karzai: "Al via negoziati con Usa e talebani"

(in fondo all'articolo tutti i video sull'Afghanistan)

Un soldato afghano ha ucciso giovedì 23 due militari stranieri in una base Usa nell'est dell'Afghanistan, dopo che i talebani hanno esortato la popolazione a colpire le basi militari straniere e a uccidere occidentali per rappresaglia al rogo di alcune copie del Corano compiuto in una base militare. 

Il rogo, che secondo gli Usa è stato un atto fortuito e non voluto, ha provocato nei giorni scorsi numerosi scontri e proteste, con diversi morti. Scontri che in varie zone del Paese sono proseguiti anche oggi, giovedì 23. Ieri cinque persone avevano perso la vita e l'amabsciata Usa era stata costretta a chiudere: tre nel solo distretto di Shinwar, nella provincia di Parwan, come riferito dal portavoce dell'amministrazione locale, Roshna Khalid.

Intanto Barack Obama si è scusato con il presidente Karzai per il rogo: "Voglio esprimerle il mio profondo rammarico per quanto avvenuto, rivolgo a lei e al popolo afghano le mie più sincere scuse", recita la lettere inviata dal presidente Usa. "L'errore non è stato intenzionale - ha poi aggiunto - e le assicuro che intraprenderemo tutti i passi necessari per evitare che  si ripeta, anche quello di punire i responsabili". E' stato l'ufficio della presidenza afghana a diffondere il testo della lettera del presidente Usa.

Leggi tutto