Strauss-Kahn, nuovo scandalo sessuale: è in stato di fermo

1' di lettura

L’ex direttore del Fmi, arrestato a maggio a New York con l’accusa di stupro e poi prosciolto, è stato fermato a Lille per essere interrogato su un vorticoso giro di escort. È accusato di complicità in sfruttamento della prostituzione

Guarda anche:
L'Fmi e il caso Strauss-Kahn, tutte le foto

(In fondo all'articolo tutti i video sullo scandalo Dsk)

Nuova bufera su Strauss-Kahn. Mentre entra nel vivo la battaglia per le presidenziali, l'uomo che i francesi - secondo i sondaggi plebiscitari - avrebbero voluto all'Eliseo è in stato di fermo in una caserma di Lille per essere interrogato su un vorticoso giro di escort. Per Dominique Strauss-Kahn è il secondo provvedimento restrittivo della libertà dopo l'arresto a New York con l'accusa, poi caduta, di stupro di una cameriera del Sofitel.

L'ex direttore generale del Fondo monetario internazionale è sospettato di complicità in sfruttamento della prostituzione e appropriazione indebita nello scandalo dell'hotel Carlton di Lille. Verso le 9 di martedì 21 febbraio, come previsto, Dsk si è presentato in una caserma della gendarmeria di Lille, nel nord della Francia, dove gli è stato immediatamente notificato il fermo, un provvedimento dovuto vista la gravità delle accuse, che consente l'interrogatorio e impone la presenza dell'avvocato a tutela del sospetto.

L'ex ministro socialista dovrà rispondere a fondo sulle serate a luci rosse alle quali avrebbe partecipato a Parigi e Washington, chiarendo in particolare se sapesse che le ragazze che vi prendevano parte erano delle prostitute. Numerose sono le prove in mano agli inquirenti di costose trasferte di gruppi di escort, organizzate e finanziate da due imprenditori della regione di Lille, Fabrice Paszkowski, dirigente di una società di materiale sanitario, e David Roquet, già direttore di una filiale del gigante dell'edilizia, Eiffage.

L'ultimo dei viaggi in questione avvenne dall'11 al 13 maggio a Washington, proprio la vigilia dell'arresto di Dsk per la vicenda del Sofitel. Quel caso, per il quale penalmente la procura americana ha rinunciato a perseguire Strauss-Kahn, è però costato al probabile candidato socialista le ambizioni presidenziali.
Lo stato di fermo di DSK a Lille può durare fino a 48 ore, anche se in teoria può essere prorogato fino a 96. Se i giudici riterranno sufficienti le prove a carico, DSK potrebbe essere incriminato per complicità in sfruttamento della prostituzione e appropriazione indebita. Finora, la difesa di Strauss-Kahn ha sempre negato che l'ex direttore del Fmi fosse al corrente che le serate organizzate presupponessero il pagamento delle ragazze come prostitute.

Leggi tutto