Primarie repubblicane: Romney trionfa in Florida

1' di lettura

L'ex governatore del Massachusetts ha conquistato più del 46% dei consensi. Dietro, con il 32% dei voti, Newt Gingrich, che non si dà per vinto: "La partita è tutt'altro che conclusa"

Guarda anche:
Usa, chi sarà la prossima First Lady
America 2012: tutte le foto
Lo speciale sulle prossime presidenziali Usa
Quattro anni fa l'elezione di Obama: lo speciale

(in fondo all'articolo tutti i video su Usa 2012)

Mitt Romney si è abbattuto come un ciclone sulla Florida ottenendo il 46% dei consensi alle primarie repubblicane in Florisa e rilanciandosi come candidato da battere per la nomination. Dietro, con il 32%, Newt Gingrich, il grande sconfitto che però non molla e annuncia senza fare una piega che "ormai è una corsa a due, tra un conservatore doc e un moderato del Massachusetts".

Dal Convention Center offlimits per i cronisti stranieri, l'ex Governatore dà il ben servito a Barack Obama: "Sono pronto a guidare il partito e gli Stati Uniti. Sta finendo la sua era. E sta cominciando un'era di prosperità: leadership vuol dire assunzione di responsabilità, non accampare sempre delle scuse". Entusiasmo anche in un Hotel di Orlando, dove l'ex Speaker Gingrich ha fatto capire che non molla la presa: "la partita è tutt'altro che conclusa".

E in linea teorica i numeri gli potrebbero anche dar ragione: se Romney ha ottenuto il 46,4%, sommando il suo 31,9% e il 13,4 di Rick Santorum, in effetti emerge un partito ancora spaccato a metà. Per questo motivo, di fronte a tantissimi fan sintetizza che dopo il voto del Sunshine State "è iniziata una lotta a due". "Il potere della gente alla fine sconfiggerà il potere dei soldi". Davanti a lui, i suoi agitavano grandi cartelli con su scritto: "46 to go", cioè il numero degli stati in cui si deve ancora votare per lo sfidante a Barack Obama. E proprio il presidente, parlando a un’iniziativa elettorale a Washington, ha fatto capire che non cederà il passo tanto facilmente: "Sono assolutamente convinto che siamo sulla strada giusta per uscire dalla crisi. La mia determinazione è più forte ora di quanto non lo fosse nel 2008", ha concluso lanciando un messaggio chiaro agli affondi dei suoi avversari, in Florida: cacciarlo dalla Casa Bianca non sarà facile per nessuno.

Leggi tutto