Usa, errore nei conteggi: Santorum vince i caucus in Iowa

L'ex senatore Rick Santorum, in corsa per le primarie repubblicane
1' di lettura

L'ex governatore del Massachusetts Mitt Romney sembrava risultare vincitore, nella notte del voto, ma ora passa al secondo posto. Intanto si ritira dalle primarie repubblicane anche Rick Perry: appoggerà l'ex speaker della Camera Gingrich

Guarda anche:
America 2012: tutte le foto
Usa 2012: come funzionano i Caucus dell'Iowa
Quattro anni fa l'elezione di Obama: lo speciale

(in fondo all'articolo tutti i video su Usa 2012)


E' l'ex-senatore Usa Rick Santorum il vincitore delle primarie repubblicane per le presidenziali Usa in Iowa, con un margine di soli 34 voti. E' quanto emerge dai risultati certificati diffusi oggi 19 gennaio dal partito Repubblicano in Iowa. L'ex governatore del Massachusetts Mitt Romney era stato dichiarato vincitore nella notte, il 3 gennaio, ma ora passa al secondo posto. Santorum ha ricevuto 29.839 voti, contro i 29.805 di Romney, secondo i nuovi dati. Romney era stato dato come vincente per solo otto schede. Romney ha vinto le primarie del 10 gennaio nel New Hampshire. Il prossimo contest sarà sabato in Carolina del Sud.

Il colpo di scena in Iowa "cambia completamente la storia di queste primarie, ora abbiamo due stati e due diversi vincitori", ha commentato  Hogan Gidley, portavoce dell'ex senatore della Pennsylvania.
Di fatto in realtà in Iowa non si dichiarerà un vincitore certo perché, affermano dal partito, sono andati persi i risultati di otto seggi. "Per molto tempo la storia è stata che Mitt Romney era 2 a zero - ha detto Hogan Gidley alla Cnn -  ma se ora è Rick in testa per 34 voti questa non è  più la vera  storia".

Intanto, abbandona la corsa per la candidatura presidenziale il governatore del Texas, Rick Perry. Perry ha annunciato il suo ritiro dalle primarie repubblicane e ha dichiarato di appoggiare per la corsa alla Casa Bianca l'ex speaker della Camera, Newt Gingrich. "Non è perfetto – ha detto - ma d'altronde chi lo è. Gingrich puòattirare il movimento conservatore".

Quello di Perry è il sesto ritiro nelle file dei repubblicani, ultimo ad abbandonare prima di lui, Jon Huntsman, già ambasciatore di Obama in Cina.

Leggi tutto