Afghanistan, ordigno contro gli italiani: ferito un militare

Una foto d'archivio dei militari italiani a bordo di un Lince impegnati in Afghanistan
1' di lettura

Si tratta di un pugliese, fante di Marina del Reggimento San Marco, rimasto contuso nell’esplosione del Lince sul quale si trovava a bordo con altri militari nel distretto di Bakwa. Trasportato in elicottero in un ospedale da campo, non è grave

SPECIALE AFGHANISTAN
SFOGLIA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Leggi: 24 ore nella base degli italiani "prigionieri"
Leggi: L'Afghanistan e le piccole allieve senza volto

Un militare italiano, un fante di Marina del Reggimento San Marco, è rimasto ferito in seguito all'esplosione di un ordigno in Afghanistan mercoledì 4 gennaio.
L'attentato si è verificato nel distretto di Bakwa (guarda la mappa). L'ordigno è esploso al passaggio di un convoglio di mezzi blindati: il Lince preso di mira ha comunque retto all'urto e solo per uno degli uomini a bordo ci sono state lievi conseguenze. Il militare, un pugliese, è stato portato via in elicottero e condotto all'ospedale militare da campo italiano di Farah, da dove ha potuto parlare personalmente con i familiari, tranquillizzandoli sul suo stato di salute.

L’attentato è avvenuto  "alle 16.15 locali (12.45 in Italia), nel corso di una pattuglia operativa", riferisce una nota del Comando regionale ovest a guida  italiana della missione Isaf.
"L'evento è avvenuto a circa 12 Km a Nord Est dall'area della  Forward Operating Base (FOB) “Lavaredo”, nel corso dell'operazione “Souther Slash” condotta dal 152° Reggimento Sassari e dal Reggimento San Marco tesa a contrastare l'infiltrazione di insorti nell'area.
L'ultimo ferimento di un militare italiano si era verificato il 29 dicembre nei pressi di Bala Murghab.

Leggi tutto