Iran: test missilistici nel Golfo Persico

1' di lettura

Sale la tensione con la comunità internazionale per le eventuali nuove sanzioni al Paese. Il ministro del petrolio: "In caso di embargo, schizzerà il prezzo del geggio". Teheran invia una lettera all'Ue per la ripresa dei colloqui sul nucleare

L'Iran ha effettuato test missilistici nel Golfo Persico durante l'ottava giornata delle esercitazioni navali denominate in cordice 'Velayat 90': lo ha reso noto l'agenzia di stampa semi-ufficiale 'Fars', secondo cui sono stati lanciati anche "missili terra-mare a lungo raggio". La manovra era stata preannunciata il 30 dicembre dal vice comandante della Marina Militare della Repubblica Islamica, il contrammiraglio Mahmoud Moussavi.

Il gesto dell’Iran si inserisce nel clima di estrema tensione, soprattutto con gli Stati Uniti, creatosi in seguito alla minaccia da parte di Teheran di chiudere lo Stretto di Hormuz, attraverso il quale transita circa il 40 per cento di tutto il greggio trasportato via mare, quale rappresaglia in caso di ulteriori sanzioni internazionali, in particolare un embargo petrolifero, a causa del controverso programma nucleare iraniano.

L'Iran ha messo inoltre in guardia sul repentino aumento dei prezzi globali del greggio che si verificherebbe in caso di embargo sul petrolio del Paese, come ritorsione per il suo controverso programma nucleare. Secondo quanto dichiarato al settimanale 'Aseman' dal ministro del Petrolio di Teheran, Rostam Qasemi, "senza dubbio" potrebbero schizzare infatti "drammaticamente" ad "almeno" oltre 200 dollari il barile, pari cioè a più di 154 euro.

Ma da Teheran, insieme alle minacce, arriva anche un segnale più conciliante,la Repubblica islamica invierà infatti all'alto rappresentante della politica estera Ue, Catherine Ashton, una lettera per la ripresa dei colloqui nucleari nell'ambito del '5+1' (Stati Uniti, Cina, Russia, Francia e Gran Bretagna, più Germania). Lo riferisce l'agenzia semi ufficiale Mehr citando l'ambasciatore iraniano in Germania.
L'Unione europea da parte sua fa sapere che è pronta al dialogo a patto che Teheran
non ponga precondizioni: a dirlo lo dice il portavoce della politica estera europea.

Leggi tutto