Le Femen denunciano: maltrattate in un bosco in Bielorussia

1' di lettura

Il gruppo ucraino, celebre per le proteste in topless, ha reso noto che durante una manifestazione contro Lukashenko, tre attiviste sono state bendate e portate in un posto isolato dove sono state minacciate e poi abbandonate, nude e senza documenti

Guarda anche:
Femen, tutte le foto
Chi sono le Femen: la scheda

Spogliate, minacciate e abbandonate nude in un bosco al freddo. Il gruppo femminista ucraino 'Femen', specializzato in proteste in topless contro il sessismo e altre discriminazioni sociali, ha denunciato che tre attiviste sono state maltrattate in Bielorussia. L’associazione, che ha sede a Kiev, ha reso noto che le tre femen sono state fermate dalla polizia nella capitale bielorussa Minsk dopo una protesta a seno nudo contro il presidente bielorusso Aleksander Lukashenko sulla scalinata dell'edificio che ospita il Kgb, i servizi segreti.

"Sono state bendate e portate a bordo di un pullman in un bosco. Sono state poi costrette a denudarsi, cosparse di olio e minacciate di essere bruciate vive", si legge in un documento del gruppo femminista. "Sono state anche minacciate con un coltello, usato poi per tagliare loro i capelli", prosegue il comunicato. "Le tre attiviste sono state poi abbandonate nude e senza documenti nel bosco", denuncia 'Femen'. Il Kgb a Minsk non ha voluto commentare la vicenda. Il Ministero degli Esteri ucraino ha poi annunciato che le tre attiviste sono state localizzate a 300 chilometri da Minsk.

Leggi tutto