Putin accusa gli Usa: avete fomentato le contestazioni

1' di lettura

Il premier russo attacca la Clinton: "Ha incoraggiato le proteste dell'opposizione" per i presunti brogli nelle recenti elezioni che lo hanno visto vincere. E lancia un monito a chi lo critica: la legge sarà rispettata con qualsiasi mezzo

Il primo ministro Vladimir Putin ha accusato gli Stati Uniti di aver fomentato le proteste contro il risultato delle elezioni parlamentari russe, che lo hanno visto vincitore.
Putin, in particolare, ha detto che sono stati usati centinaia di milioni di dollari di fondi esteri per influenzare il voto.
Nel primo commento pubblico dopo le manifestazioni di protesta seguite alle elezioni, che secondo i contestatori sono state falsate, il politico russo ha detto che il segretario di Stato Usa Hillary Clinton "ha dato un segnale" agli oppositori del Cremlino.
"(La Clinton) - ha affermato Putin - ha dato un segnale agli attivisti dell'opposizione, loro l'hanno sentito e hanno cominciato a lavorare attivamente".

"La legge va fatta rispettare" - Il premier russo ha aggiunto inoltre che alcuni dei manifestanti che hanno contestato i risultati delle elezioni in cui "Russia unita" ha vinto, perseguono solo ambizioni politiche egoistiche e che la maggior parte dei russi non vuole sconvolgimenti politici. "Siamo tutti adulti qui e sappiamo che alcuni degli organizzatori agiscono secondo uno scenario ben noto e secondo le proprie ambizioni politiche mercenarie".
"Nessuno in Russia vuole assistere allo stesso caos che si è già registrato in Ucraina o in Kirghizistan", tranne "alcuni organizzatori" delle proteste di massa, che a suo dire "perseguono egoisticamente le proprie finalità politiche" invece di pensare al bene comune. "Se le persone si attengono a ciò che dettano le leggi", ha puntualizzato l'ex presidente, fresco di candidatura a guidare di nuovo il Cremlino, "allora va riconosciuto loro il diritto di esprimere la propria opinione. Altrimenti", ha ammonito, "se le leggi sono violate, la polizia deve chiedere che siano rispettate, e farle osservare servendosi di qualsiasi mezzo legale".

Leggi tutto