Obama: "Molto preoccupato per la crisi in Europa"

1' di lettura

Il presidente americano in visita in Australia spiega di guardare con molta attenzione alle turbolenze finanziarie del Vecchio Continente. "Il momento difficile potrebbe durare anche per la prossima settimana"

Guarda anche:
Tutte le notizie sulla crisi del debito
Il dizionario della crisi economica
Crisi economica: ecco come seguirla su Twitter

Il presidente Usa Barack Obama si dice "molto preoccupato" per le turbolenze finanziarie che stanno colpendo l'Europa. "Sono e sono stato molto preoccupato. Ritengo che sarò molto preoccupato anche domani e la prossima settimana", ha detto Obama nella conferenza stampa con il primo ministro australiano, Julia Gillard.

"Finchè non metteremo in essere un piano concreto che mandi un segnale chiaro ai mercati che l'Europa sosterrà l'euro, continueremo a vedere le turbolenze che stiamo vedendo in questi giorni sui mercati", ha aggiunto il presidente statunitense. "A questo punto la comunità europea deve sostenere il progetto europeo. Ormai abbiamo un'economia mondiale integrata e quello che succede in Europa ha un impatto anche su di noi", ha concluso Obama.

Il presidente americano si trova in Australia per un accordo che rafforzi l'alleanza militare tra i due paesi. A partire dalla metà del 2012. Il nuovo accordo bilaterale di difesa prevede  anche la possibilita' per un numero maggiore di imbarcazioni e aerei  militari americani - tra cui B52 - di operare a partire dalle basi in  Australia. "Gli Stati Uniti non hanno alleati piu' stretti dell'Australia", ha affermato Obama, sottolineando come la sua visita nel paese indichi la volonta' di rafforzare l'impegno americano nella zona  dell'Asia-Pacifico. "Siamo in una regione che sta crescendo  economicamente ma anche la stabilita' e' essenziale alla crescita  economica", ha affermato la Gillard, per la quale "rafforzare la  nostra alleanza attraverso questa iniziativa riguarda la stabilità".

Leggi tutto