James Murdoch ai Comuni: "Non sapevo delle intercettazioni"

1' di lettura

In una nuova audizione davanti alla Commissione Cultura e Media il presidente di News International ha ribadito di non esser mai stato a conoscenza delle "pratiche scorrette" del tabloid News of the World. VIDEO

Guarda anche:
Londra, Rupert e James Murdoch ai Comuni: le foto
"We are sorry": le scuse di Murdoch sui giornali inglesi
Intercettazioni, Murdoch risponderà in Parlamento

Il parallelo "offensivo" e "inappropriato" con la mafia italiana non è piaciuto a James Murdoch, tornato per la seconda volta davanti ai Comuni per rispondere su silenzi e omissioni nello scandalo intercettazioni che a luglio ha travolto il gruppo News International (gruppo editoriale di cui fa parte anche Sky Italia), portando alla chiusura dello storico domenicale News of the World.

Interrogato dai rappresentanti della Commissione Media, Cultura e Sport - a cominciare dal 'mastino' laburista Tom Watson - il 38enne figlio del tycoon australiano Rupert Murdoch ha ribadito la linea di difesa già utilizzata nella precedente audizione, sostenendo di "non essere stato informato".

La sua versione non ha convinto Watson che ha apostrofato il delfino Murdoch, affermando che debba essere "il primo boss della mafia nella storia che non sapeva di gestire un'impresa criminale". La sua testimonianza era stata messa in dubbio dall'ex direttore del tabloid incriminato, Colin Myler, e dal suo avvocato Tom Crone, secondo i quali James avrebbe mentito quando ha sostenuto di non essere a conoscenza della portata delle intercettazioni. Murdoch ha definito "incongruenti e non giuste", contestandole "vigorosamente", le testimonianze rese dai due davanti alla commissione. "Non mi furono mostrate prove né mi vennero comunicati sospetti di pratiche scorrette e diffuse" ha insistito.

In passato la compagnia aveva parlato di scorrettezze commesse da un paio di "mele marce", un giornalista e un investigatore, ma successivamente si è scoperto che le intrusioni nella privacy erano ben più diffuse, con oltre 6mila vittime di intercettazioni. Alla fine dell'audizione, il presidente della Commissione John Whittingdale ha rimarcato "contraddizioni dirette" tra le versioni di Murdoch da una parte e Crone e Myler dall'altra: "uno di queste non può essere vera" ha aggiunto.


Tutti i video sullo scandalo intercettazioni

Leggi tutto