Il Twitter che non ti aspetti per la corsa all'Eliseo

Il messaggio che compare su Twitter se si decide di iscriversi al Ps
1' di lettura

Il sito di microblogging come arma di attacco dei principali partiti, che selezionano e "impongono" i tweet ai loro militanti. Nella speranza di invadere gli account dei 3 milioni di utenti francesi

Leggi anche
L'ex signora Sarkozy torna in campo con un blog
De Villepin, candidato con un piede nella fossa


di Greta Sclaunich

C’era un volta il politico che cercava di aumentare la sua popolarità twittando pensieri e punti di vista. Acqua passata, almeno in Francia. Mentre le presidenziali del 2012 si avvicinano a grandi passi i partiti sperimentano nuovi, raffinati modi di utilizzare Twitter. Chiamando a raccolta gli iscritti e chiedendo loro di invadere il sito di microblogging (che in Francia conta 3 milioni di utenti) con i loro messaggi.

LE DOMANDE A HOLLANDE DELL’UMP - Ha iniziato l’Ump, il partito di centrodestra al quale appartiene anche il presidente Sarkozy. La miglior difesa è l’attacco: se ancora non è emersa la candidatura ufficiale per la corsa all’Eliseo, i vertici incitano iscritti e simpatizzanti a punzecchiare i rivali del Partito socialista. “Incitiamoli al dibattito – vogliamo delle risposte via Twitter” recita il sito ufficiale del partito. E via con una lista di domande da inviare all’indirizzo di @fhollande, l’account del candidato del Ps François Hollande. Si va da “Lei è favorevole alla legalizzazione della cannabis?” a “Come pensa di essere credibile quando parla di riduzione del debito se poi lei dirige il dipartimento più indebitato della Francia?”: questioni sulle quali il Ps, dicono all’Ump, non ha dato “risposte abbastanza concrete”.

TWEET COME SPAM DAL PS - Hollande non si scompone: anzi, dice di non essere stato interpellato dal dispositivo e si dichiara “sempre pronto al dibattito”. Intanto anche il suo Ps affila le armi e si affida ad un’applicazione disponibile sul sito toushollande.fr. Tramite lo strumento gli internauti possono autorizzare l’equipe del Ps a inviare i messaggi ufficiali attraverso i loro account Twitter personali. Un metodo che ricorda l’utilizzo a distanza dei pc per l’invio dello spam e che viene considerato fin troppo intrusivo. I vertici del Ps ne rivendicano però il carattere sperimentale e ne difendono l’immediatezza e la semplicità nell’utilizzo. Talmente semplice ed intuitivo che ci hanno pensato anche i giovani dell’Ump, i Jeunes Pop, tramite il sito Twitpop.

I VERDI E I MESSAGGI CHIAVI-IN-MANO - I Verdi di Eva Joly non stanno a guardare. E annunciano le creazione di una piattaforma di sostegno alla candidata basata sul tweet chiavi-in-mano: basterà andare sul sito ufficiale, cliccare sui messaggi e questi si invieranno da soli dal proprio account Twitter. Il sistema non è ancora operativo ma già i membri del partito si difendono dalle potenziali critiche: il contenuto dei tweet – sottolineano – sarà scelto in maniera partecipativa a partire dai temi più caldi della campagna.

Leggi tutto