Libia, in un nuovo video le prove dell'oltraggio su Gheddafi

Un'immagine tratta dal video diffuso da Global Post
1' di lettura

Nelle immagini, rilanciate da Global post e che sarebbero state diffuse dagli stessi ribelli, il raìs disarmato e già ferito è aggredito e umiliato da chi lo ha catturato. La ricostruzione ufficiale della sparatoria non regge

Guarda anche:
LO SPECIALE MEDITERRANEO

Gheddafi catturato e ucciso: la cronaca della giornata

FOTO: Misurata, fila per vedere il corpo del raìs - Gheddafi è morto: le immagini - A Tripoli la gente è in festa - La notizia fa il giro del mondo - La guerra in Libia (album) - Gheddafi in Italia (album) - Gheddafi, da 42 anni al potere - Il covo del Raìs - L'album di famiglia del raìs - Vita e morte di Gheddafi: tutte le foto

APPROFONDIMENTI: Gheddafi, la fine di un raìs - Da Ustica a Lockerbie, i segreti sepolti col colonnello - Il video della cattura - 42 anni di potere in Libia: tutte le tappe - Gli ultimi istanti del Rais: il racconto di un testimone - Gheddafi: "Morirò da martire nel mio Paese"

(in fondo all'articolo tutti i video sulla morte di Muammar Gheddafi)

Un uomo ferito e disarmato, aggredito da un gruppo di uomini inferociti: sono queste le le nuove immagini diffuse dai ribelli libici, che mostrano gli ultimi minuti di vita di Muammar Gheddafi.
Nel filmato, particolarmente crudo (e che abbiamo deciso di non pubblicare: chi volesse, può vederlo cliccando sul sito di Global Post, che lo ha diffuso) il Colonnello indossa la stessa divisa che appare negli altri video finora diffusi.
Le immagini della brutale aggressione (riprese in Italia dal quotidiano Libero) smentiscono nettamente le prime ricostruzioni ufficiali, secondo cui la morte del dittatore sarebbe avvenuta dopo una sparatoria.

Il corpo del raìs non ha ancora avuto sepoltura ed è stato per ore oggetto di macabre foto ricordo da parte di centinaia di libici di Misurata, prima di essere stato sottoposto ad autopsia. L'esame è stato condotto da alcuni medici nella camera mortuaria di un ospedale di Misurata e ha  confermato che a uccidere il colonnello è stato un colpo di pistola.

Intanto il Cnt (Consiglio nazionale di transizione) non ha dichiarato ufficialmente "la liberazione della Libia" che è attesa per le prossime ore e dovrebbe preludere alla formazione di un governo di transizione 'vero' in grado di preparare, tra otto mesi, le elezioni.


Leggi tutto