Francia, è Francois Hollande l'anti-Sarkozy

1' di lettura

Ha sconfitto nelle primarie socialiste la sua avversaria Martine Aubry (57% contro 43%), anche grazie all'appoggio degli altri candidati del primo turno. La prossima primavera sfiderà l'attuale presidente. "Dovrò essere all'altezza delle attese". VIDEO

Guarda anche
I risultati del primo turno
L'estrema destra punta su Marine Le Pen

(in fondo all'articolo i video con le dichiarazioni di Hollande e Aubry)

L'immagine della serata conclusiva delle primarie è quell'abbraccio finito in un bacio fra l'ex comprimario diventato protagonista e la socialista tutta d'un pezzo che stavolta non ce l'ha fatta.
Francois Hollande sarà l'avversario di Nicolas Sarkozy nella corsa all'Eliseo 2012: "Stasera ho ricevuto il mandato di far vincere la sinistra", ha detto ai militanti in festa.
E' stata una battaglia senza esclusione di colpi quella fra i due aspiranti candidati in queste primarie che per la prima volta hanno coinvolto in Francia tutti i simpatizzanti della sinistra.

Sessantuno anni, Martine Aubry - che torna a fare il segretario del partito - ha provato ad arrivare laddove il celebre padre, Jacques Delors, rifiutò di avventurarsi, la corsa alla presidenza.
Ha perso e in modo piuttosto netto, 57% per Hollande, 43% per lei. Ha gareggiato dopo aver quasi rinunciato in favore dell'ex alleato Dominique Strauss-Kahn, poi è tornata in gioco dopo l'uscita di scena dell'uomo che tutti i sondaggi davano vincente anche per l'Eliseo.

Francois Hollande ha sopportato di tutto, a cominciare dall'accusa di "inazione" da parte della sua ex compagna Segolene Royal, che dopo avergli detto di tutto gli ha poi regalato, dopo il catastrofico primo turno, il suo misero 7% di preferenze.
La Aubry lo ha ridicolizzato affibbiandogli l'appellativo di leader della "gauche molle", che rischia di rimanergli appiccicato addosso anche nella sfida con Sarkozy. E di "candidato del sistema", forse la definizione che più l'ha fatto imbestialire.
I popolo della gauche ha dato ragione all'uomo apparentemente mite che ha saputo tirare fuori gli artigli al momento giusto. Non quelli dell'aggressività o della tracotanza - "veniamo da anni di sarkozysmo durissimo, perché dovrei fare il duro anch'io?", ha detto nell'ultimo faccia a faccia in tv con la Aubry - ma quelli della decisione e dei contenuti.
E' anche la serata del trionfo dell'iniziativa del Partito socialista di eleggere il proprio candidato con le primarie all'italiana, una scelta che si è rivelata vincente a 360 gradi - anche se molto rischiosa - tanto che hanno votato circa tre milioni di francesi.

Da un mese non si parla d'altro in Francia se non di progetti socialisti e di candidati della gauche, la destra è sparita di scena se si eccettuano alcuni commenti velenosi e il proposito di riequilibrare la settimana prossima i tempi di presenza televisiva.
Il futuro della Francia sembra oggi oscillare fra i propositi più radicali di Aubry e Arnaud Montebourg - banche e finanza sotto controllo, fine del nucleare, protezionismo antimondializzazione - e il riformismo moderato e ragionevole di Francois Hollande, che ha ripetuto nel primo discorso di stasera di avere come primo obiettivo la riunificazione della gauche.
E' stato questo il suo asso nella manica, l'aver saputo attirare l'appoggio degli altri quattro candidati sconfitti al primo turno mentre la Aubry è rimasta da sola con i suoi voti.

C'era anche un rischio enorme, che non è ancora scongiurato per la sinistra: il pericolo di ripercorrere gli errori del 2007, quando Segolene Royal fu lasciata sola nella sua battaglia contro Sarkozy, isolata e osteggiata dall'establishment del partito che la snobbava.
Un Ps spaccato in due e trasudante livore sarebbe stato un clamoroso autogol sulla strada della campagna elettorale. Il distacco netto a favore di Hollande e i propositi della Aubry di mettere, a partire da domani, il partito al servizio del candidato all'Eliseo parlano a favore di una gauche che arriva all'appuntamento nella forma migliore.
Grazie a Segolene, grazie a Martine, grazie agli elettori, grazie ai francesi: per il mite Hollande è la serata dei ringraziamenti e dei propositi. Ma presto sarà il tempo di preparare la campagna contro il nemico vero, quel Sarkozy che non è ancora sceso in campo ma che sta affilando le armi. "Sarò il candidato del rispetto", ha annunciato lo sfidante socialista fra gli applausi dei socialisti e le grida di "on va gagner", "vinceremo".

Guarda il video con le prime dichiarazioni di Francois Hollande:



Guarda il video in cui Martine Aubry riconosce la sconfitta:

Leggi tutto