Cuba: è morta Laura Pollan, la dama bianca anti-Fidel

1' di lettura

Scompare a 63 anni la leader delle Damas de Blanco, movimento di mogli e familiari dei dissidenti cubani. Ribattezzate "controrivoluzionarie", le donne si vestono di bianco per richiedere il rilascio dei detenuti politici

Guarda anche:
Cuba e Fidel: una storia che dura da mezzo secolo
Fidel Castro: "Il modello cubano non funziona più"

Forse per un giorno le "Damas de Blanco" si vestiranno di nero, in segno di lutto. Laura Pollan, leader del movimento dissidente cubano, è morta all'Avana in seguito ad un arresto cardiaco. L'attivista aveva 63 anni ed era ricoverata in clinica dallo scorso 7 ottobre.
Le "Dame in bianco", di cui era fondatrice e guida, sono un gruppo di mogli e familiari dei dissidenti anti castristi. Il movimento era nato nel 2003 per chiedere la liberazione di 75 prigionieri politici cubani e la difesa del rispetto dei diritti umani nell'isola. Fin dalla nascita, le mobilitazioni si sono caratterizzate per l'abbigliamento bianco delle donne.

Nel 2005 il loro impegno civile venne riconosciuto dal Parlamento europeo che gli conferì il premio Sakharov per la difesa dei diritti umani. Tuttora il gruppo è considerato "controrivoluzionario" e accusato di ricevere soldi dagli Stati Uniti. Le proteste delle donne in bianco, spesso contestate dai simpatizzanti di Fidel Castro, hanno avuto un risultato concreto nel 2010 quando il regime ha liberato i primi detenuti politici, tra cui Hector Maseda, il marito della Pollan.

Leggi tutto