Libia, smentita la cattura del figlio di Gheddafi

1' di lettura

Il presidente del Consiglio nazionale transitorio libico (Cnt), Mustafa Abdel Jalil, nega di aver messo le mani sul quartogenito del raìs: "La notizia non trova conferme". La folla era già scesa in strada a Tripoli e Misurata per festeggiare

Leggi anche:
Lo speciale Mediterraneo
Arrestato il portavoce di Gheddafi
Gheddafi: "Morirò da martire nel mio Paese"
Libia, i ribelli: "Presto un nuovo governo"
Gheddafi vicino all'Algeria protetto dai tuareg

(in fondo all'articolo tutti i video sulla Libia)

Giallo sulla cattura in Libia di Mutassim-Billah Gheddafi, quintogenito del Colonnello e già consigliere per la Sicurezza Nazionale del vecchio regime. Dopo l'annuncio che era stato arrestato dagli insorti a Sirte, è arrivata la smentita dello stesso consulente del Consiglio Nazionale Transitorio, Abdelkarim Bizama, che aveva dato la notizia: "C'è stata un po' di confusione al riguardo", ha ammesso. "Non appena ne avremo la conferma, sarà diramato un annuncio ufficiale dell'arresto".

La smentita - Poco prima era arrivata anche la smentita di Wessam bin Hamid, uno dei comandanti delle milizie del Consiglio Nazionale Transitorio impegnate sul fronte di Sirte. "Non è vero", ha tagliato corto bin Hamid, a capo dei Martiri della Brigata Libia Libera, pur precisando che "alcuni prigionieri che abbiamo sostengono che a Sirte si trovi Gheddafi in persona".
Tuttavia altre fonti insurrezionali continuano a sostenere che Mutassim sarebbe stato fatto prigioniero mentre cercava di fuggire dalla città di origine del padre: si sarebbe tagliato i capelli, che solitamente porta molto lunghi, per non farsi riconoscere. Sarebbe incolume, anche se esausto. Trasferito a Bengasi per essere sottoposto a interrogatorio, sarebbe attualmente detenuto nell'accampamento militare di Boatneh.
Forse l'equivoco sulla vera sorte di Mutassim è nato dal fatto che, sempre a Sirte e proprio mercoledì 12 ottobre, i combattenti anti-lealisti hanno messo le mani su un altro super-latitante: l'imam Khaled Tantoosh, che sotto il regime del Colonnello era il gran muftì di Libia, cioè la massima autorità religiosa del Paese, e che anche durante i lunghi mesi della rivolta non aveva mai smesso di appoggiare Gheddafi, diffondendo dalla clandestinità messaggi e discorsi a suo sostegno.

Gli insorti respinti a Sirte - Nel frattempo, dopo giorni di successi militari, a Sirte gli insorti sono stati costretti a ripiegare sotto massicci bombardamenti da parte delle truppe lealiste. Stando a fonti giornalistiche al loro seguito, si sono dovuti allontanare dai quartieri nord-occidentali Numero Due e Dollaro, ultimi
bastioni lealisti in città, e sono arretrati di un paio di chilometri fino all'ex quartier generale della polizia, espugnato martedì 11 ottobre.
Un portavoce del Cnt, Hamid Neji, ha riferito che i comandanti si sono infine decisi a ordinare l'impiego dei cannoni contro le forze di Gheddafi". Finora gli insorti avevano evitato il ricorso all'artiglieria pesante per non causare vittime tra i numerosi civili rimasti intrappolati.

Leggi tutto