Libia, scoperta una fossa comune

Ribelli per le strade di Tripoli
1' di lettura

Vicino Tripoli sarebbero stati trovati i resti di oltre 1200 persone, uccise almeno 15 anni fa. Potrebbero essere i resti della repressione della rivolta del carcere di Abu Salim del 1996

Guarda anche:
Libia, la sfida sarà costruire la pace
Gheddafi, l'ultimo appello: "Non ci arrendiamo"
Tripoli, viaggio nella cittadella di Gheddafi. REPORTAGE

LO SPECIALE: La guerra in Libia

(in fondo all'articolo tutti i video sulla guerra in Libia)

Una fossa comune con i corpi di oltre 1200 persone sarebbe stata scoperta a Tripoli, nei pressi della prigione di Abu Salim. Il ritrovamento risale a due settimane fa, ma solo oggi il Cnt lo ha reso noto. Secondo quanto afferma Abdul Jalik, ufficiale medico dei ribelli che ha esamintato i resti, i corpi potrebbero appartenere agli uomini che si resero protagonisti di una rivolta carceraria nel 1996. Allora i prigionieri (politici ma non solo) diedero vita a una serie di proteste per chiedere condizioni più umane e igieniche. Il regime intervenne duramente, reprimendo la rivolta in un bagno di sangue e facendo fucilare gli oltre mille detenuti.  "Ci troviamo di fronte - ha spiegato il dottore - ai resti di oltre 1.270 martiri che dobbiamo adesso identificare confrontando il loro dna con quello dei loro famigliari. Potrebbero essere necessari degli anni".

Il carcere di Abu Salim è per molti libici uno dei simboli del regime di Gheddafi. Per anni Amnesty Internationl ha denunciato gli abusi e le condizioni disumane nelle quali venivano tenuti i prigionieri.

Leggi tutto